Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli e applicazioni per la gestione delle diversità nelle Risorse Umane. Il caso Laboratorio di Ingegneria Gestionale

Ai giorni nostri i problemi legati alla convivenza tra persone diverse per culture d’origine, caratteristiche personali e bagaglio di esperienze si sta facendo sempre più pressante. Frequenti sono le notizie riguardo alle difficoltà di integrazione di immigrati e donne o esperienze di discriminazioni sul posto di lavoro.
Il problema è capire come sia possibile evitare che tali situazioni di disagio diventino irrisolvibili, generando delle conflittualità fine a sé stesse. Uno degli ambiti in cui è possibile cercare di eliminare, o perlomeno limitare, le discriminazioni è quello della realtà industriale attuale.
Questo lavoro di ricerca ha come obiettivo quello di analizzare i modelli per la gestione delle diversità in ambito aziendale individuati in letteratura, al fine di elaborare un modello che ne rappresenta una sintesi delle caratteristiche migliori presenti nei diversi modelli. Infine si è testato empiricamente tale modello all’interno di una organizzazione.
Un’accurata analisi della letteratura ha permesso di approfondire nel dettaglio i molteplici aspetti della diversità in ambito umano, in relazione in particolar modo al ruolo che questa possiede all’interno delle organizzazioni e delle realtà aziendali.
Il risultato ottenuto è una visione d’insieme dei modelli di gestione della diversità, seguita da una estesa analisi di confronto fra essi, che ha permesso di comprendere a pieno quali siano i punti di forza e le debolezze di ciascun modello. Tale operazione di analisi trova poi applicazione nella creazione di un modello, Best of breed, applicabile ad una qualsiasi realtà industriale italiana.
Grazie all’applicazione del modello si è quindi potuto toccare con mano gli effetti dell’introduzione, seppur in fase iniziale, di politiche per la gestione delle diversità, potendo così apprezzarne le potenzialità e concretizzare il lavoro svolto in questi mesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 SOMMARIO Ai giorni nostri i problemi legati alla convivenza tra persone diverse per culture d’origine, caratteristiche personali e bagaglio di esperienze si sta facendo sempre più pressante. Frequenti sono le notizie riguardo alle difficoltà di integrazione di immigrati e donne o esperienze di discriminazioni sul posto di lavoro. Il problema è capire come sia possibile evitare che tali situazioni di disagio diventino irrisolvibili, generando delle conflittualità fine a sé stesse. Uno degli ambiti in cui è possibile cercare di eliminare, o perlomeno limitare, le discriminazioni è quello della realtà industriale attuale. Questo lavoro di ricerca ha come obiettivo quello di analizzare i modelli per la gestione delle diversità in ambito aziendale individuati in letteratura, al fine di elaborare un modello che ne rappresenta una sintesi delle caratteristiche migliori presenti nei diversi modelli. Infine si è testato empiricamente tale modello all’interno di una organizzazione. Un’accurata analisi della letteratura ha permesso di approfondire nel dettaglio i molteplici aspetti della diversità in ambito umano, in relazione in particolar modo al ruolo che questa possiede all’interno delle organizzazioni e delle realtà aziendali. Il risultato ottenuto è una visione d’insieme dei modelli di gestione della diversità, seguita da una estesa analisi di confronto fra essi, che ha permesso di comprendere a pieno quali siano i punti di forza e le debolezze di ciascun modello. Tale operazione di analisi trova poi applicazione nella creazione di un modello, Best of breed, applicabile ad una qualsiasi realtà industriale italiana. Grazie all’applicazione del modello si è quindi potuto toccare con mano gli effetti dell’introduzione, seppur in fase iniziale, di politiche per la gestione delle diversità, potendo così apprezzarne le potenzialità e concretizzare il lavoro svolto in questi mesi

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Roberta Corincig Contatta »

Composta da 369 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1280 click dal 26/02/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.