Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio e realizzazione di un sistema biometrico basato sul riconoscimento dell'iride

Questo lavoro si colloca nell'ambito del riconoscimento automatico di persone, basandosi su delle caratteristiche biometriche, con l'utilizzo di tecniche di image processing e pattern recognition.
È proposto un sistema di riconoscimento biometrico basato sull'analisi dell'iride, sul quale sono effettuate numerose prove sperimentali sia allo scopo di verificarne il funzionamento e testarne l'efficacia, che per configurare in maniera ottimale i numerosi parametri dello stesso.
Il sistema è stato testato utilizzando le immagini campione gentilmente fornite dal CASIA (Chinese Academy of Sciences – Institute of Automation).
La Canny edge detection e la trasformata di Hough e di Radon sono utilizzate per la segmentazione delle immagini campione, in particolare per localizzare i contorni dell'iride e delle palpebre, mentre il rumore dovuto a ciglia e riflessioni speculari è etichettato con una semplice tecnica di tresholding. Per ogni fase del processo di segmentazione sono utilizzate delle tecniche di pre-processing (image enhancement e masking), che consentono una migliore selezione dei punti di edge critici relativi ai bordi di interesse.
Un filtro Log-Gabor 2D è impiegato per l'estrazione delle feature ottenendo un template binario dalla quantizzazione su 4 livelli della fase della convoluzione tra l'iride normalizzata ed il filtro; la distanza di Hamming normalizzata è utilizzata per effettuare il matching tra i template estratti, allo scopo di effettuare il riconoscimento.
I risultati sperimentali ottenuti sono promettenti e dimostrano l'adeguatezza e l'efficacia del sistema messo a punto, confermando l'accuratezza è l'affidabilità dell'iride come caratteristica biometrica.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Prefazione Che gli occhi siano lo “specchio dell'anima” è cosa nota, ed è anche noto come a volte basti un solo sguardo per comunicare meglio che con tante parole; del resto in ambito medico l'osservazione dell'occhio può fornire delle informazioni su alcune condizioni fisiologiche e patologiche dell'organismo ed addirittura, a detta di alcuni sedicenti e saccenti iridologi, l'occhio ed in particolare l'iride sarebbe una sorta di mappa da cui poter valutare lo stato di salute psico-fisico con diagnosi dettagliate e accurate. Più realisticamente, in questo lavoro di tesi vedremo sia dal punto di vista teorico, attingendo alla letteratura in materia, che pratico- sperimentale, implementando un sistema biometrico, come usando delle tecniche di image processing e pattern recognition i nostri occhi possano diventare una vera e propria carta d'identità personale o chiave di accesso da recare sempre con noi e che difficilmente potremo perdere o farci sottrarre da malintenzionati. Dopo un primo capitolo introduttivo, vedremo nel capitolo secondo i principi di funzionamento dei sistemi biometrici e gli indicatori per valutarne la bontà, nel capitolo terzo saranno esposte le varie fasi di un sistema per il riconoscimento dell'iride, analizzando le tecniche proposte in letteratura, ed infine nei restanti capitoli sarà illustrato il sistema biometrico implementato e se ne valuteranno le prestazioni utilizzando un dataset di immagini di occhi e confrontando i risultati ottenuti con quelli di altri ricercatori. Buona lettura.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Eugenio Cuppone Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2208 click dal 28/02/2008.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.