Skip to content

L'estinzione della pena per grazia presidenziale

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Costanzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Carlo Paterniti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60


La grazia è un istituto che ha radici molto antiche, e sin dall’età classica ha suscitato particolare interesse. Soprattutto in questo periodo, però, essa sta occupando le prime pagine di tutti i giornali in relazione a casi particolari, come quello riguardante l’ex leader di ‘Lotta Continua’ Adriano Sofri.
In realtà, rispetto all’istituto in questione, si pongono non pochi interrogativi che derivano dalla poca chiarezza che il legislatore ha utilizzato nel disciplinare la grazia, sia nella Carta costituzionale, sia nel codice di rito.
Ci si chiede, infatti, se la grazia possa essere considerata come una prerogativa del Presidente della Repubblica; quale sia il ruolo del Guardasigilli alla luce del combinato disposto degli articoli 87 e 89 della Costituzione; quale sia la procedura per la concessione della grazia disciplinata dal codice di procedura penale, e come questa si concili con la prassi utilizzata sino ad ora; quale sia la valenza delle osservazioni della personalità del condannato, e delle valutazioni sul suo recupero; quale sia la posizione dei soggetti passivi del reato, etc.
Nel tempo, la grazia ha avuto il favore di molti studiosi, ma anche tante critiche.
Essa, infatti, ha trovato l’opposizione di giuristi e filosofi antichi ( Platone e Cicerone), ma anche moderni, poiché essi ritenevano che in un sistema di leggi giuste, il perdono e la clemenza non solo non sono necessari, ma possono inficiare la certezza del diritto. Così, ad esempio, P.J.A Feuerbach sottolineò l’importanza di garantire un sistema penale sicuro, attraverso la puntuale esecuzione delle sanzioni prefigurate1. Il Benthàm ritenne la grazia un rimedio necessario, nei confronti di leggi troppo severe, ma sempre un male. Il Beccaria considerò il ricorso alla clemenza come conseguenza di un sistema di leggi non organico e di condanne disumane2. Il Filangeri, infine, constatò che nella Monarchia come in qualunque altra forma di governo, le leggi devono essere moderate ma il sovrano inflessibile; la grazia, quindi, era un’ingiustizia contro la società. Solo se un condannato avesse avuto grandi meriti personali, e grandi virtù, il perdono non sarebbe stato un’ingiustizia3.
Infine, importanti giudizi sono stati formulati dal Lombroso4; questi era favorevole alla concessione della clemenza, purché questa fosse circondata da limiti determinati, come la controfirma dei presidenti del Senato, della Camera dei deputati e del Consiglio di Stato da un punto di vista formale, e la circoscrizione a particolari tipologie di delitti, da un punto di vista sostanziale.
Una soluzione definitiva per tutte queste questioni necessiterebbe di un intervento chiarificatore da parte del legislatore.
In questa trattazione, lungi dalla pretesa di dare delle risposte definitive ai quesiti posti pocanzi, cercheremo di analizzare le norme relative, e le teorie della dottrina e della giurisprudenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La grazia è un istituto che ha radici molto antiche, e sin dall’età classica ha suscitato particolare interesse. Soprattutto in questo periodo, però, essa sta occupando le prime pagine di tutti i giornali in relazione a casi particolari, come quello riguardante l’ex leader di ‘Lotta Continua’ Adriano Sofri. In realtà, rispetto all’istituto in questione, si pongono non pochi interrogativi che derivano dalla poca chiarezza che il legislatore ha utilizzato nel disciplinare la grazia, sia nella Carta costituzionale, sia nel codice di rito. Ci si chiede, infatti, se la grazia possa essere considerata come una prerogativa del Presidente della Repubblica; quale sia il ruolo del Guardasigilli alla luce del combinato disposto degli articoli 87 e 89 della Costituzione; quale sia la procedura per la concessione della grazia disciplinata dal codice di procedura penale, e come questa si concili con la prassi utilizzata sino ad ora; quale sia la valenza delle osservazioni della personalità del condannato, e delle valutazioni sul suo recupero; quale sia la posizione dei soggetti passivi del reato, etc. Nel tempo, la grazia ha avuto il favore di molti studiosi, ma anche tante critiche. Essa, infatti, ha trovato l’opposizione di giuristi e filosofi antichi ( Platone e Cicerone), ma anche moderni, poiché essi ritenevano che in un sistema di leggi giuste, il perdono e la clemenza non solo non sono necessari, ma possono inficiare la certezza del diritto. Così, ad esempio, P.J.A Feuerbach sottolineò l’importanza di garantire un sistema penale sicuro, attraverso la puntuale esecuzione delle sanzioni prefigurate 1 . Il Benthàm ritenne la grazia 1 P.J.A. FEUERBACH, Anti Hobbes, a cura di M.A. CATTANEO, Milano, 1972, p. 113.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto penale
estinzione della pena
estinzione pena
grazia presidente
pena
presidente della repubblica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi