Skip to content

L’informativa obbligatoria e volontaria nelle società quotate. Un’analisi applicata alle “Offerte Pubbliche d’Acquisto”

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Cupolino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Riccardo Macchioni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 228

La comunicazione economico-finanziaria costituisce, per l’azienda, uno strumento di
creazione e di diffusione del valore, in quanto, da un lato, incide sulla sua capacità di attrarre in modo stabile e duraturo risorse e consensi dall’ambiente e, dall’altro, può consentire di far apprezzare all’esterno la sua dinamica economica. Per creare e diffondere valore, l’azienda dovrebbe tendere a soddisfare il fabbisogno conoscitivo dei destinatari, compatibilmente con le esigenze di riservatezza che le strategie competitive e sociali impongono. Se la comunicazione economico-finanziaria è fondamentale nell’ordinaria gestione dell’impresa al fine di informare il pubblico degli stakeholder sull’andamento dell’attività aziendale, essa risulta ancor più cruciale nel corso di operazioni straordinarie, soprattutto se dirette a conseguire l’acquisizione del controllo di altre realtà imprenditoriali attraverso un’Offerta Pubblica d’Acquisto (OPA). Si riscontrano crescenti attese da parte degli investitori e, in generale, degli stakeholder sulla qualità e quantità delle informazioni diffuse dai soggetti emittenti. Nell’ambito di un’OPA, l’informazione comunicata alla target e agli azionisti della stessa diventa l’elemento su cui si basa la scelta di questi ultimi in merito alla proposta avanzata dall’offerente; un elemento che rappresenta un utile supporto per l’operazione, soprattutto se si tratta di un’OPA ostile che il management della target tenterà di ostacolare. Per lungo tempo, la comunicazione economico-finanziaria è stata associata, nei contenuti, all’informativa di natura contabile, fondata sulle grandezze di reddito e capitale. I rilevanti cambiamenti in atto nell’economia delle aziende, la crescita dimensionale e la globalizzazione dei mercati finanziari, che implicano più opportunità e, al contempo, una maggiore concorrenza nel processo di acquisizione di risorse finanziarie, e lo sviluppo delle comunicazioni via Internet stanno, però, dischiudendo nuovi scenari in questo ambito. Infatti, negli ultimi trenta anni si sono intensificati filoni di ricerca la cui base di partenza riposa sulla messa a fuoco dei limiti insiti nelle determinazioni di bilancio, in termini di efficacia rispetto al soddisfacimento delle attese conoscitive ascrivibili alle diverse categorie di utilizzatori. Nello scenario in cui le imprese si trovano a competere, caratterizzato da una sempre maggiore rilevanza delle risorse intangibili, dalla smaterializzazione dei processi produttivi, dalla presenza di nuove tecnologie informatiche che permettono una maggiore interazione tra i differenti attori, diventa necessario riflettere sul ruolo che ha e che potenzialmente potrebbe avere il bilancio di esercizio. Le organizzazioni internazionali – l’AICPA, il FASB, l’EAA – si chiedono ormai da tempo se si tratti di uno strumento informativo superato oppure di uno strumento indispensabile che è, però, necessario ed opportuno integrare fornendo informazioni complementari. In particolare, è forte l’esigenza di fornire agli utilizzatori del bilancio informazioni forward-looking che permettano agli stessi di formulare un giudizio attendibile sulla prevedibile evoluzione della gestione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I   INTRODUZIONE La comunicazione economico-finanziaria costituisce, per l’azienda, uno strumento di creazione e di diffusione del valore, in quanto, da un lato, incide sulla sua capacità di attrarre in modo stabile e duraturo risorse e consensi dall’ambiente e, dall’altro, può consentire di far apprezzare all’esterno la sua dinamica economica. Per creare e diffondere valore, l’azienda dovrebbe tendere a soddisfare il fabbisogno conoscitivo dei destinatari, compatibilmente con le esigenze di riservatezza che le strategie competitive e sociali impongono. Se la comunicazione economico-finanziaria è fondamentale nell’ordinaria gestione dell’impresa al fine di informare il pubblico degli stakeholder sull’andamento dell’attività aziendale, essa risulta ancor più cruciale nel corso di operazioni straordinarie, soprattutto se dirette a conseguire l’acquisizione del controllo di altre realtà imprenditoriali attraverso un’Offerta Pubblica d’Acquisto (OPA). L’informazione, in presenza di un’elevata mobilità delle risorse finanziarie, diviene il filtro del processo di investimento (per gli investitori) e di approvvigionamento (per le aziende emittenti) di capitali ed è sempre più da considerare come una vera e propria risorsa immateriale a valenza strategica. Si riscontrano, pertanto, crescenti attese da parte degli investitori e, in generale, degli stakeholder sulla qualità e quantità delle informazioni diffuse dai soggetti emittenti. Nell’ambito di un’OPA, l’informazione comunicata alla target e agli azionisti della stessa diventa l’elemento su cui si basa la scelta di questi ultimi in merito alla proposta avanzata dall’offerente; un elemento che rappresenta un utile supporto per l’operazione, soprattutto se si tratta di un’OPA ostile che il management della target tenterà di ostacolare. Per lungo tempo, la comunicazione economico-finanziaria è stata associata, nei contenuti, all’informativa di natura contabile, fondata sulle grandezze di reddito e capitale. I rilevanti cambiamenti in atto nell’economia delle aziende, la crescita dimensionale e la globalizzazione dei mercati finanziari, che implicano più opportunità e, al contempo, una maggiore concorrenza nel processo di acquisizione di risorse finanziarie, e lo sviluppo delle comunicazioni via Internet stanno, però, dischiudendo nuovi scenari in questo ambito. Infatti, negli ultimi trenta anni si sono intensificati filoni di ricerca la cui base di partenza riposa sulla messa a fuoco dei limiti insiti nelle determinazioni di bilancio, in termini di efficacia rispetto al soddisfacimento delle attese conoscitive ascrivibili alle diverse categorie di utilizzatori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilancio ambientale
bilancio sociale
comunicazione
comunicazione obbligatoria
comunicazione socio-ambientale
comunicazione volontaria
corporate governance
disclosure
fabbisogno informativo
informativa societaria
mandatory disclosure
offerta pubblica d acquisto
opa
opa amichevole
opa ostile
performance prospettiche
performance realizzate
piano industriale
principi contabili
profilo aziendale
rapporto sui rischi
società quotate
tipologie di comunicazione
voluntary disclosure

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi