Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Tropaeum Alpium a La Turbie

L'elaborato tratta del Trofeo delle Alpi edificato per celebrare le vittorie di Augusto sui popoli alpini, presenta un breve capitolo introduttivo sul valore delle immagini nella propaganda augustea, quindi procede con la storia del monumento indicando i documenti principali che lo descrivono a partire dall'antichità. Successivamente si procede con la descrizione dell'opera e si conclude con un breve confronto con il Trofeo di Pompeo sui Pirenei (mai rinvenuto) e con il Trofeo di Traiano ad Adamklissi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Architettura e potere all'epoca di Augusto 1.1. Ottaviano Divi filius A soli diciannove anni, il giovane C. Ottavio, figlio adottivo di Cesare, appena dopo la morte di questi, abbandonava il proprio cognomen per farsi chiamare C. Cesare, dimostrava così di avere già ben chiaro il legame tra parola, immagine e potere: il futuro Augusto utilizzerà per tutta la sua vita questi strumenti di propaganda con grande abilità 1 . Essere riconosciuto come figlio e legittimo erede del defunto dittatore non era però sufficiente: Ottaviano ambiva mete più alte, addirittura al di là dei limiti umani, inizia così la campagna di divinizzazione di Cesare, sfruttando anche l'avvistamento di una cometa, prontamente battezzata sidus Iulium (ecco un uso abile della parola), che diverrà d'ora in poi simbolo (un'immagine) da riprodurre ripetutamente per ribadire la divinità del padre 2 . L'autopromozione prosegue con la disposizione che il culto del Divus Iulius divenga religione di Stato, siamo nel 42 a.C. e da ora Ottaviano può farsi chiamare Divi filius. Il simbolo della stella, segno celeste carico di suggestione, continua ad accompagnare la sua ascesa, prima dimostrazione di come il linguaggio delle immagini venga felicemente sfruttato dai suoi sostenitori 3 . Altri simboli si aggiungono: la sella dorata e la corona di Cesare, i ritratti di Ottaviano negli atteggiamenti di Alessandro Magno o dei Dioscuri, le immagini di Venere ed Enea a dimostrare le origini divine della gens Iulia e così via 4 . 1 ZANKER P. 1989, p. 37. 2 ZANKER P. 1989, p. 38. 3 ZANKER P. 1989, p. 38. 4 ZANKER P. 1989, pp. 39-40. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lara Bartoli Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1206 click dal 05/03/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.