Skip to content

Contributo floristico-vegetazionale finalizzato al recupero delle aree di cava nel territorio di Porto Empedocle (AG)

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Burgio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze forestali ed ambientali
  Relatore: Rosario Schicchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Scopo della presente tesi è quella di fornire un contributo sul recupero e sulla riqualificazione, tramite il ricorso a tecniche di ingegneria naturalistica, di una cava di calcarenite di proprietà della Italcementi Group, ricadente nel territorio di Porto Empedocle (AG).
Nel corso degli ultimi trent’anni la coltivazione di cave, ha fatto registrare, un considerevole incremento in tutto il territorio italiano (LAURETI, 2001). Sulla base di quanto riportato nella “Relazione sullo Stato dell’Ambiente” (MINISTERO DELL’AMBIENTE, 1992) il numero di cave presenti in Italia è superiore a 6.000. Con riferimento alla diffusione del fenomeno su scala nazionale, sempre alla stessa data, circa un terzo delle aziende estrattive risultava ubicato, con una pressoché uguale percentuale, in solo tre regioni: Calabria (11,4%), Sicilia (10,8%) e Lombardia (10,3%) (LAURETI, 2001).
Considerate le finalità di questo studio rivolto al recupero delle aree di cava, si è ritenuto opportuno effettuare una ricerca della legislazione, nazionale e regionale, in materia di cave e recupero ambientale delle stesse.
E’ stato individuato un elenco delle specie utili per il recupero dell’area di cava, redatto alfabeticamente per famiglie, e per ognuna di queste specie si sono costruite le schede botaniche. Esse riportano informazioni relative alla denominazione, ai caratteri morfologici e biologici, all’habitat, alla distribuzione in Italia ed in Sicilia e alla propagazione.
Gli interventi di recupero della cava riguarderanno la rinaturazione delle aree in cui è stata completata l’asportazione del materiale ed il recupero e/o la riqualificazione di un largo accessorio adibito a discarica di argilla.
Il recupero ambientale si dovrebbe articolare in due fasi tra loro strettamente interconnesse comprendenti: misure fisiche, per realizzare una morfologia adatta e un adeguato drenaggio e misure biologiche per il rinverdimento dell’area.
Sulla base delle osservazioni e dei rilevamenti fitosociologici effettuati, sono state identificate le tipologie di vegetazione che per composizione floristica e struttura posseduta, forniscono i modelli di riferimento a cui rifarsi nei possibili interventi di recupero e/o riqualificazione ambientale. Tenendo conto delle caratteristiche ambientali dell’area considerata, sono stati prospettati, per i settori in cui la coltivazione del materiale è stata completata, possibili interventi di rinverdimento, utilizzando come modelli di riferimento le espressioni vegetazionali considerate più mature e rinvenute all’interno della cava.
Tenuto conto dell’estensione della cava, per aumentare l’interesse scientifico e la valenza naturalistica del sito, parte della cava potrebbe essere destinata ad ospitare un giardino di piante rupicole e semirupicole, endemiche e/o rare. Tale giardino potrebbe essere articolato in tre sezioni, da costituire in momenti successivi, dedicate rispettivamente alle collezioni dei taxa presenti nella provincia di Agrigento, della Regione Siciliana e del bacino del Mediterraneo.
L’ampio piazzale, previo inerbimento per alcuni anni con un idoneo miscuglio di graminacee e leguminose, potrebbe ospitare un campo di conservazione del germoplasma delle piante legnose di interesse agrario. In tale struttura, infatti, potrebbero venire innestate le marze delle numerose cultivar di mandorlo, olivo, pistacchio e di altre specie ancora, presenti nelle campagne della provincia di Agrigento, molte delle quali attualmente rischiano di scomparire definitivamente dagli ordinamenti colturali. Ciò costituisce, indubbiamente, una valida ipotesi di recupero e di riqualificazione di un’area degradata, che avrebbe positive ripercussioni sotto l’aspetto scientifico, didattico, della fruizione pubblica e dell’educazione ambientale.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi di Palermo Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Scienze Forestali ed Ambientali Dipartimento di Scienze Botaniche Contributo floristico-vegetazionale finalizzato al recupero delle aree di cava nel territorio di Porto Empedocle (AG) Tesi di laurea di Relatore: Roberto Burgio Chiar.mo Prof. Rosario Schicchi Correlatore: Chiar.mo Prof. Vincenzo Ilardi Anno Accademico 2003/04

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agrigento
aree di cava
attività estrattiva
botanica applicata
calcarenite
cava
ingegneria naturalistica
italcementi
materiale inerte
recupero cave
riqualifificazione ambientale
tufo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi