Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il deficit democratico tra trattato costituzionale e costituzione

La mia tesi si occupa dell'attuale problema del deficit democratico dell'Italia e dell'Unione europea. In particolare affronta la questione sia dal punto di vista dello Stato Italiano, che da quello dell'Unione europea.
Un' ampia rassegna (corredata da un altrettanto ampia e mirata bibliografia) che passa dalle autorità amministartive indipendenti sino al più ampio fenomeno della Governance, della biopolitica foucoltiana, della parlamentarizzazione degli assetti istituzionali dell'unione europea. Uno degli argomenti centrali consiste, dunque, anche nella crisi della sovranità dello stato (nonché nella crisi istituzional-parlamentare dell'Italia). Conseguentemente, la trattazione, pur affrontando i più disparati argomenti, risulta, infine, sempre organica e ben strutturata e ben lontana dall'apparire un semplice "collage" di argomenti.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Prefazione Il recente Trattato costituzionale, indipendentemente dalla sua (difficile) entrata in vigore, non sembra risollevare del tutto l’UE dalle critiche rivolte nei suoi confronti da numerosi politici, studiosi ed esperti di diritto costituzionale ed internazionale. Il dibattito de jure condendo si è indirizzato, tuttavia, nella giusta direzione: quella del superamento del vistoso deficit di democrazia e trasparenza che affligge l’Europa (rectius i cittadini europei) e con cui siamo costretti a fare quotidianamente i conti. L’invasività del diritto comunitario sembra ormai un dato di fatto, come altrettanto scontata appare l’ineluttabilità di un processo (quello di integrazione economica) che non sembra poter avere battute di arresto, almeno senza compromettere il benessere delle popolazioni interessate. Nel frattempo, come conseguenza di questa inarrestabile alchimia, interi settori del diritto -dalla costituzione economica (e non solo...) al diritto del lavoro, dal diritto finanziario e tributario al diritto privato...- sembrano mutare a ritmi impressionanti e in questo preoccupante incedere di riforme e controriforme non sempre appare largamente rispettato il principio democratico.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Dario Marra Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2986 click dal 04/03/2008.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.