Skip to content

Verso la strage di Derry. Dalla nascita del “Civil Rights Movement” allo scoppio dei “Troubles''.

Informazioni tesi

  Autore: Marco Petrone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Christopher Williams
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 237

La Strage di Derry (Bloody Sunday) del 30 Gennaio del 1972 potrebbe rappresentare il classico esempio di uno Stato che per fermare la protesta pubblica contro lo sviluppo di politiche oppressive e discriminatorie da parte del Governo, ricorra alla potenza delle sue forze armate e dell'uso delle sue forze letali. Già a cavallo tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Settanta incominciò a diffondersi tra la gente comune l'idea che l'Irlanda del Nord fosse 'irriformabile'. Dopo la strage, il fallimento della legge e del sistema giudiziario nel punire i responsabili e nel dare un contributo morale e materiale ai feriti ed alle famiglie delle 14 vittime fu un duro colpo alla fiducia, seppur residua, riposta nelle istituzioni dello Stato nordirlandese da parte dei suoi cittadini cattolici. Per più di 25 anni queste famiglie hanno lottato per ottenere giustizia. Dopo 25 anni il Primo Ministro britannico laburista Tony Blair ha deciso di rimettere tutto in discussione.
Dall'Agosto del 1969, da quando le truppe britanniche approdarono nella Provincia, la legge fu applicata come uno strumento, un espediente esecutivo, in risposta alla sfide lanciate dal movimento per il riconoscimento dei diritti civili, dalla violenza settaria, dal rifiuto dell'entità delle Sei Contee. Essa non solo funzionò da veicolo per le oppressive politiche di sicurezza dello Stato ma fu inetta nel correggere i peggiori eccessi, lasciando ampi margini di libertà di azione ai membri delle forze dell'ordine e dell'esercito, attori e pedine degli obiettivi politici del Governo. Il coinvolgimento dei paramilitari lealisti ha automaticamente ed inevitabilmente innescato e poi allargato la spirale della ferocia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione metodologica - 1 Introduzione metodologica: persecuzione nazionalista od esasperazione unionista? “More British than the British, more Irish than the Irish” Estyn Evans 1 "Pur se spesso mi stupisco nell'udire espressioni quali 'strada cattolica' e 'area protestante', anch'io alle volte mi trovo ad usarle. Come può una casa essere cattolica o protestante? Eppure quando bisogna descrivere quella realtà è difficile trovare altri termini. Quindi seppure riluttante a farlo, userò qui i termini cattolico o protestante per indicare le differenze che caratterizzano i cittadini unionisti e non-unionisti di questo stato." 2 Più di 4,000 le vittime. Tutti sanno che in Irlanda c’è uno storico e permanente stato di guerra civile, pochi sanno perché e tra chi. Più di 4,000 le referenze. Studiosi, scrittori di professione, opinionisti, giornalisti, professori, sociologi, psicologi, medici, ma anche semplici politicanti o predicatori, studenti o sacerdoti, madri disperate o affranti padri di famiglia si sono cimentati – spesso con ottimi, affidabili ed autorevoli risultati che potremmo definire altamente scientifici, spesso con opere faziose, ridondanti, a tratti ridicole la cui unica funzione è affollare inutilmente gli scaffali delle librerie e delle biblioteche senza donare contributi importanti alla causa – nello sviscerare tutti i temi della questione irlandese sotto ogni tipo di aspetto o punto di vista, in maniera totalmente imparziale o partigiana. Ogni anno vengono pubblicati centinaia di libri, raccolte di articoli, saggi… Numeri che tenderanno a raggiungere nel tempo livelli incalcolabili. Sovente questi studi sono stati ignorati dalle istituzioni. Spesso gli studiosi stessi hanno tentato di imporre una visione cosmopolita del problema, dimenticandosi che sarebbe stato meglio limitarsi a “far oscillare il pendolo tra il domestico e l’universale” 3 distinguendo ed isolando tra questi il “parrocchiale ed il provinciale” 4 . 1 ESTYN E. EVANS, The Personality of Ireland: Habitat, Heritage and History, Dublin, Lilliput Press, 1992. Citato in MAURICE HAYES, Whither Cultural Diversity? (discorso consegnato il 29 Novembre 1990 al MSSc Irish Studies Forum svoltosi alla Queen's University of Belfast), p. 3, anche in <http://www.community-relations.org.uk/community-relations/> (ultimo accesso: 02 Gennaio 2004). Cfr. su questo punto ESTYN E. EVANS, Ulster: The Common Ground, Dublin, Lilliput Pamphlets 12, 1984. 2 GERRY ADAMS, Strade di Belfast, Roma, Gamberetti Editrice, 1999, Tit. Or. “The Street”, Brandon Book Publishers LTD, Ireland, 1992, Traduzione di Orsola Casagrande, 'I Monti di Mourne', p. 56. 3 MAURICE HAYES, Ivi, p. 3. 4 TERENCE BROWN, After the Revival: Sean O Faolain and Patrick Kavanagh, in AA.VV., Ireland’s Literature, Dublin, Lilliput Press, 1988. Ibidem.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bernadette devlin
bloody sunday
bobby sands
cattolici
civil rights movement
derry
fulvio grimaldi
gerry adams
gerrymandering
hunger strike
ira
irlanda
irlanda del nord
lealismo
londonderry
paul kingsley
protestanti
real ira
sinn fein
strage di derry
tortura
troubles
ulster
unionisti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi