Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Piero Bertolini e lo scautismo

Lo scopo del lavoro che segue è quello di presentare le caratteristiche principali della pedagogia scout, al punto da giustificare l’affermazione che lo scautismo può essere considerato un metodo educativo in quanto pretende di essere o di prospettare prima di tutto un modo di concepire e vivere la vita.
Il contributo più adatto e più utile per comprendere meglio l’importanza del movimento è stato rappresentato, certamente, dalla bibliografia del prof. Piero Bertolini, uno dei più prestigiosi ed autorevoli protagonisti della pedagogia italiana contemporanea e caposcuola della pedagogia fenomenologia. Attualmente è professore ordinario di pedagogia presso l’Università di Bologna.
Attraverso il contributo dei suoi scritti più significativi sullo scautismo toccheremo i punti più salienti del metodo scautistico, da lui vissuto negli anni della giovinezza e poi seguito con interesse per i suoi risvolti pedagogici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Lo scautismo è un movimento internazionale fondato in Gran Bretagna da Robert Baden-Powell nel 1908 per soddisfare le richieste educative delle nuove generazioni e, per sostenere lo sviluppo delle potenzialità fisiche, intellettuali e spirituali. Il movimento scautistico rappresenta attualmente uno dei fenomeni educativi più interessanti del nostro secolo. Caratterizzato da una disciplina basata sull’autogoverno e su un codice morale di comportamento, questo movimento conta oggi circa 25 milioni di aderenti sparsi in 150 nazioni. Di fronte alla grandezza del fenomeno, che non si può non riconoscere, si deve però constatare che una grande maggioranza di persone tiene verso lo scautismo una posizione d’indifferenza o d’opposizione, le cause principali sembrano essere: il disinteresse dei genitori e dei dirigenti politici per imprese volte a dare educazione morale e civile ai giovani, essendo l’attenzione tutta volta alla sola scuola; il disinteresse da parte della pedagogia ufficiale per il movimento scautistico che ha impedito la produzione di una seria letteratura sull’argomento; l’impostazione del tutto culturalistica e nozionistica della scuola che non considera attività formative come quella dello scautismo; l’impressione che lo scautismo con le sue

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Francesca Gorgoglione Contatta »

Composta da 130 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7647 click dal 06/03/2008.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.