Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le autorità indipendenti fra profili giurisdizionali e funzioni normative

TESI SPERIMENTALE-DEPOSITATA
In questo lavoro viene affrontato il tema delle autorità amministrative indipendenti intesi come soggetti di diritto aventi o meno personalità giuridica, che rinvengono una condizione di indipendenza nella loro estraneità rispetto all'apparato burocratico amministrativo e nello svolgimento di compiti propri e specifici, che fuoriescono da quelli di competenza dell'organizzazione pubblica. Enti differenziati dall'amministrazione statale, poiché, in quanto deputati al perseguimento di propri fini, non sono soggetti ai poteri di indirizzo e controllo statali.
Controversa la natura giuridica di tali organismi. Da parte della dottrina si sono sviluppati essenzialmente due orientamenti: l'uno teso a riconoscere alle autorità amministrative indipendenti natura, giurisdizionale o paragiurisdizionale, l'altro favorevole ad attribuire ad esse natura fondamentalmente amministrativa.
In questo quadro si sviluppano le authorities: la Banca d'Italia, il Garante per l'editoria (1981), l'ISVAP (1982), la CONSOB (1985), poi di recente il Garante per la radiodiffusione e l'editoria (1990), l'Autorità garante della concorrenza e del mercato (1990), la Commissione per il diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali (1990) la Commissione di vigilanza sui fondi pensione (1990), le Autorità di regolazione dei servizi pubblici essenziali (1995), il Garante per la protezione dei dati personali (1996), l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (1997).
L’art. 33 del d.lgs. 80/98, come sostituito dalla l. 205/2000 e come modificato dalla pronuncia “manipolativa” della Corte costituzionale 204/2004 ed ulteriormente suffragata dalla sentenza 191/2006 e dalla recentissima 140/2007, ha esteso la giurisdizione esclusiva alla materia dei servizi pubblici.
Il riparto di giurisdizione basato sulla dicotomia diritto soggettivo/giudice ordinario–interesse legittimo/giudice amministrativo dal 1949 costituisce la regola generale, a cui si contrappone, ai sensi dell'art. 103 Cost., la regola di riparto fondata sui "blocchi di materie", di carattere residuale. Infatti, ai sensi della citata disposizione costituzionale, i giudici amministrativi hanno giurisdizione, in particolari materie indicate dalla legge, anche dei diritti soggettivi. La regola fondata sui "blocchi di materie" è stata ridimensionata dalla Corte costituzionale nella nota sentenza n. 204/2004 in quanto la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo sarebbe legittima solo quando, agendo la pubblica amministrazione come autorità, vi sia un "inestricabile nodo" di interessi legittimi e diritti soggettivi che renda opportuna, per esigenze di concentrazione processuale, la sola giurisdizione del giudice amministrativo.
Il punto di arrivo dell’evoluzione legislativa in tema di giurisdizione esclusiva e regolamentazione dell’economia può essere così sintetizzato: se il giudice amministrativo investito di giurisdizione esclusiva è ormai diventato negli ultimi anni, per scelta legislativa, il giudice per così dire “naturale” delle autorità indipendenti, ragioni di coerenza dovrebbero favorire un passo successivo nella direzione di trasformarlo nel giudice “naturale” della regolamentazione economica a prescindere dal soggetto al quale si imputa la competenza esercitata.
Sotto il profilo giurisdizionale viene infine affrontato la questione relativa ai regolamenti delle autorità indipendenti. La denominazione “regolamento” non assicura la natura normativa dell'atto medesimo. Ma, se nel novero delle fonti rientrano tutti quegli atti con cui l'amministrazione, dettando norme nel campo d'azione affidato alle sue cure, comunque innova l'ordinamento giuridico, pur rimanendo necessario l'esame concreto dei diversi atti delle varie autorità indipendenti, non si può negare l'esistenza di una potestà normativa di tali autorità.
In merito all'individuazione del fondamento del potere regolamentare, bisogna sottolineare come tale questione venga ad assumere un particolare significato proprio nell'esame dei regolamenti delle autorità indipendenti, giacché in tale contesto si pone in primo piano innanzitutto la problematica concernente il rapporto (o, meglio, l'esigenza di individuazione di un ragionevole punto di equilibrio) fra principio democratico ed esigenze di efficienza (e quindi di competenza tecnica) e, in secondo luogo, il tema dei rapporti tra ordinamento generale e ordinamenti particolari.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE _________________________ Sulla tutela nei confronti delle autorità amministrative indipendenti si può leggere di tutto e il contrario di tutto a seconda dei punti di vista dai quali partono le interpretazioni sia dottrinali che giurisprudenziali. E fin qui nulla di nuovo sotto il sole. Ma il dato sconfortante è che ci siano ancora giudici diversi per situazioni giuridiche simili e che ci siano procedimenti processuali diversi a seconda che si impugni un provvedimento dell’una o dell’altra autorità o a seconda dell’imputazione formale di provvedimenti di per sé identici. Ma forse è inevitabile che disfunzioni accadano quando al crocevia della storia si incontrano istituti giuridici diversi, originariamente pensati per risolvere problemi diversi. Dalla loro miscela nasce la confusione delle lingue e spesso la pretesa di imporre alla realtà soluzioni che contrastano con le caratteristiche proprie dei singoli istituti giuridici. Si potrebbe osservare che, sempre in tema di tutela giurisdizionale, non è un fenomeno limitato alle autorità amministrative indipendenti: di scandali ce ne sono tanti, nei più diversi settori. È certamente vero, ma è vero altresì che le autorità amministrative indipendenti rappresentano un caso emblematico di questo fenomeno di collisione fra idee del passato e idee del presente, il quale come tutti i casi emblematici, se adeguatamente semplificato, può fornire un modello di interpretazione per fenomeni più generali. Il lavoro svolto cerca di snocciolare le ragioni delle disfunzioni rilevate per le autorità amministrative indipendenti a proposito della tutela giudiziaria nei loro confronti.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonello Mango Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4261 click dal 07/03/2008.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.