Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La competizione spaziale tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica durante gli anni della guerra fredda

La competizione spaziale tra Stati Uniti ed Unione Sovietica si sviluppò come una spettacolare articolazione della guerra fredda. L’epicentro della guerra fredda si sviluppo in Europa, ma come un’onda sismica nel corso degli anni si propagò in tutto il globo, finendo per dividerlo in due diversi e contrapposti blocchi che indirettamente si fronteggiarono più volte, arrivando in due occasioni sull’orlo del baratro di una nuova guerra che questa volta, essendo nucleare, sarebbe stata “totalmente distruttiva per il genere umano”. La competizione spaziale fu quindi una conseguenza voluta e ricercata della corsa agli armamenti, che caratterizzò le fasi più calde della guerra fredda. Tutto ciò produsse infine due effetti solo in apparenza contrastanti, da un lato si ebbe la cosiddetta “deterrenza” tra le due superpotenze dall’altro ciò non impedì la cooperazione tra le due superpotenze (iniziata in sordina ma poi sbandierata come esempio di potenza) che acquisì sempre più importanza soprattutto dopo la conquista della luna da parte americana per concludersi con i primi progetti di stazioni spaziali sovietiche che divennero alla fine degli anni settanta e per tutti gli anni ottanta e novanta reali e fattivi esempi di cooperazione scientifica internazionale . Dalla metà degli anni ottanta del XX secolo ai primi anni di questo nuovo secolo, la “gara” spaziale tra le superpotenze ha visto prevalere definitivamente gli Stati Uniti sull’Unione Sovietica. Stati Uniti che nonostante i numerosi tagli di bilancio apportati dalle presidenze succedutesi in questi anni riescono ancora a detenere la leadership nel campo spaziale. Sulla scena internazionale nel XXI secolo gli Stati Uniti potranno contare sulla partenership dei paesi della Cee e della Russia, ma dovranno anche vedersela con nuovi e agguerriti competitori come l’India e soprattutto la Cina che riaccenderà nei prossimi decenni di nuovi contenuti la corsa verso la conquista dello spazio.
La competizione spaziale tra Stati Uniti ed Unione Sovietica si sviluppò come una spettacolare articolazione della guerra fredda. L’epicentro della guerra fredda si sviluppo in Europa, ma come un’onda sismica nel corso degli anni si propagò in tutto il globo, finendo per dividerlo in due diversi e contrapposti blocchi che indirettamente si fronteggiarono più volte, arrivando in due occasioni sull’orlo del baratro di una nuova guerra che questa volta, essendo nucleare, sarebbe stata “totalmente distruttiva per il genere umano”. La competizione spaziale fu quindi una conseguenza voluta e ricercata della corsa agli armamenti, che caratterizzò le fasi più calde della guerra fredda. Tutto ciò produsse infine due effetti solo in apparenza contrastanti, da un lato si ebbe la cosiddetta “deterrenza” tra le due superpotenze dall’altro ciò non impedì la cooperazione tra le due superpotenze (iniziata in sordina ma poi sbandierata come esempio di potenza) che acquisì sempre più importanza soprattutto dopo la conquista della luna da parte americana per concludersi con i primi progetti di stazioni spaziali sovietiche che divennero alla fine degli anni settanta e per tutti gli anni ottanta e novanta reali e fattivi esempi di cooperazione scientifica internazionale . Dalla metà degli anni ottanta del XX secolo ai primi anni di questo nuovo secolo, la “gara” spaziale tra le superpotenze ha visto prevalere definitivamente gli Stati Uniti sull’Unione Sovietica. Stati Uniti che nonostante i numerosi tagli di bilancio apportati dalle presidenze succedutesi in questi anni riescono ancora a detenere la leadership nel campo spaziale. Sulla scena internazionale nel XXI secolo gli Stati Uniti potranno contare sulla partenership dei paesi della Cee e della Russia, ma dovranno anche vedersela con nuovi e agguerriti competitori come l’India e soprattutto la Cina che riaccenderà nei prossimi decenni di nuovi contenuti la corsa verso la conquista dello spazio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La competizione spaziale tra Stati Uniti ed Unione Sovietica si sviluppò come una spettacolare articolazione della guerra fredda. L’epicentro della guerra fredda si sviluppo in Europa, ma come un’onda sismica nel corso degli anni si propagò in tutto il globo, finendo per dividerlo in due diversi e contrapposti blocchi che indirettamente si fronteggiarono più volte, “ tanto che in due occasioni specialmente sembrarono sull’orlo del baratro di una nuova guerra che questa volta, essendo nucleare, sarebbe però stata totalmente distruttiva per il genere umano”. La competizione spaziale conseguenza voluta e ricercata della corsa agli armamenti , produsse due effetti solo in apparenza contrastanti, da un lato si ebbe la cosiddetta “deterrenza” dall’altro si sviluppò dapprima una silenziosa cooperazione tra le due superpotenze che acquisì sempre più importanza soprattutto dopo la conquista della luna da parte americana per concludersi con i primi progetti di stazioni internazionali spaziali. Dalla metà degli anni ottanta del XX secolo ai primi anni di questo nuovo secolo, la “gara” spaziale tra le superpotenze ha visto con alterne fortune grazie anche il disfacimento dell’impero Sovietico prevalere gli Stati Uniti che nonostante i numerosi tagli di bilancio apportati dalle presidenze succedutesi in questi anni riescono ancora a detenere la leadership nel campo 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emilio Basile Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4537 click dal 10/03/2008.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.