Skip to content

Le nuove formazioni politiche: il caso di Forza Italia

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Libutti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Francesco Battegazzorre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

Questo lavoro si pone l’obiettivo di studiare uno dei fenomeni più importanti della storia elettorale dell’Italia repubblicana: la comparsa sulla scena politica di Forza Italia. Le elezioni del marzo 1994 ci hanno consegnato dei risultati inaspettati che hanno portato il capo di una formazione politica nata solo qualche mese prima, a conquistare il governo del Paese. A distanza di quattro anni, Forza Italia mantiene il ruolo di principale forza di opposizione, con una forte rappresentanza parlamentare sostenuta dal consenso di un quinto degli elettori italiani. Il movimento di Berlusconi resta però ancora un oggetto “misterioso” della politica italiana e, nonostante il vivace dibattito che esso ha innescato tra gli studiosi, rare sono le analisi che hanno cercato di interpretarne la natura e le ragioni del successo. Come è stata possibile, quali sono stati i presupposti di questa vittoria così inattesa e inusuale nel panorama politico italiano e quali sono i fattori che hanno contribuito al suo consolidamento?
Questa è la curiosità che ha spinto chi scrive a intraprendere questo cammino di ricerca tra i pochi tentativi di analisi pubblicati, con la preoccupazione che lo studio di un argomento così “attuale” non si lasciasse influenzare da punti di vista soggettivi e, viceversa, si sforzasse di essere il più obiettivo possibile.
Il primo capitolo si preoccuperà di delineare lo scenario storico - politico che ha costituito la premessa per un successo così inaspettato.
Nel secondo capitolo si analizzerà specificatamente l’offerta del partito di Berlusconi, prendendo in considerazione i suoi uomini, i contenuti del suo programma e le forme con cui lo stesso è stato presentato.
Il terzo capitolo riguarderà la breve storia organizzativa del movimento, attraverso le fasi che lo stanno portando ad essere un vero e proprio partito.
Nel quarto capitolo studieremo più da vicino le caratteristiche di quei cittadini che hanno scelto di dare il proprio voto ad una formazione politica nuova come era Forza Italia nel ’94, e che hanno confermato tale opzione negli anni successivi. A tal fine prenderemo in considerazione le caratteristiche che storicamente sono state utilizzate, dagli studiosi delle materie elettorali, per spiegare una scelta così personale e particolare come il voto.
Nell’ultima parte di questo lavoro presenteremo il tentativo di Calvi e Vannucci, attraverso l’introduzione di un quadro interpretativo, di definire il profilo socio - politico dell’elettore di Forza Italia.
Ringrazio il professor Battegazzorre per l’assistenza e i preziosi spunti, così come il professor Biorcio e il professor Mannheimer per i dati e le analisi che mi hanno gentilmente messo a disposizione; è chiaro che la responsabilità di quanto appare in questo lavoro, rimane esclusivamente di chi scrive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. Capitolo: Il quadro storico 1.1 La crisi delle subculture Il 9 novembre del 1989 cade il Muro di Berlino. È una data emblematica e un punto di svolta per la società politica internazionale. Insieme al Muro, alla paziente tessitura di Solidarnosc, con il suo epilogo, alla sweet revolution di Ungheria, Bulgaria, Romania, crolla infine l’impero comunista. La perestrojka, il nuovo corso inaugurato da Gorbaciov con la sua politica della glasnost, della trasparenza, porta al crollo del colosso sovietico: il tentato golpe dell’agosto del ’91 spiana la strada al nuovo governo di Eltsin; segue il movimento secessionista delle quindici repubbliche sovietiche, che segna la fine dell’impero sovietico e con esso di una lunga fase della storia europea e mondiale segnata dalla guerra fredda. Delle molte e importanti conseguenze, quella che qui interessa indicare è il venir meno del cleavage che produceva e legittimava l’esclusione del Partito comunista italiano dal governo. La profonda, conseguente crisi interna che colpisce il partito ha un primo importante sbocco nella riunione del Comitato centrale, il 26 novembre ’89, che ha all’ordine del giorno un punto decisivo: il cambio del simbolo, ovvero dell’identità del partito. Achille Occhetto, promotore della svolta, ottiene il 67 % dei consensi e, nel gennaio del ’91, fonda così il Partito democratico della sinistra, mentre i suoi oppositori danno vita a Rifondazione comunista, l’intaccabile zoccolo duro del vecchio comunismo. Se il crollo dell’URSS e dei regimi comunisti dell’Est europeo porta alla crisi della subcultura “rossa”, più sottilmente e lentamente nel tempo, per effetto della secolarizzazione, un’altra grande subcultura, quella cattolica, è da tempo profondamente in crisi. In Italia il processo di secolarizzazione, testimoniato anche dalla diminuzione a partire dagli anni Cinquanta dei tassi di pratica religiosa, ha gradualmente ridotto quello che un tempo era un enorme serbatoio di voti per il partito che si richiama ai valori del cristianesimo. Una parte del fenomeno è riconducibile al cambio fisiologico del corpo sociale, avvenuto nel corso dei decenni, che ha portato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

berlusconi
forza italia
governo berlusconi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi