Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arte e biotecnologie

La mia tesi di laurea ha come argomento la connessione attuale tra “Arte e Biotecnologie”:
essa vuol descrivere i legami che si sono instaurati negli ultimi anni tra l’arte contemporanea e il mondo scientifico delle biotecnologie.
Arte concentrata sul transito, sulla mutazione, sul divenire. Arte ricombinante nell’epoca della sua riproducibilità genetica. Arte come filosofia del trasferimento.
Nel mio elaborato ho suddiviso gli artisti da me trattati in due gruppi, date le loro differenze di materiali e tecniche utilizzate per decifrare il mondo delle biotecnologie: cioè tecniche artistiche tradizionali e materiali inorganici per alcuni, e tecnologie scientifiche e materiali organici, invece, per altri.
Gli artisti di questo primo gruppo creano, ognuno a modo suo, ambienti e situazioni che suscitano in noi una riflessione sulla nuova realtà biotecnologica e sui suoi potenziali effetti, positivi o negativi. Rientrano perfettamente nel concetto che tutti hanno di Arte, utilizzando i diversi mezzi espressivi artistici per trattare questo argomento.
Per quanto riguarda Patricia Piccinini, tra le sue opere possiamo citare i lavori “Protein lattice”, “SO2” e il gruppo “We are family”, esposto anche nel padiglione australiano della Biennale di Venezia 2003 (del quale vengono mostrate le opere “Still life with stem cells”, “Game boy advanced”, “The young family” e “Leather landscape”).
Del duo artistico Aziz+Cucher, invece, si possono citare le seguenti opere: “Faith, Honour and Beauty”, “Dystopia”, “Chimeras” e “Interiors”.
L’idea che essi danno dell’arte può essere definita “inconscio della scienza”. Il loro lavoro mira a riflettere sulle differenze tra corpo/ambiente, interno/esterno e organico/artificiale, attraverso un’arte elettronica e digitale che rappresenti la paura e la curiosità per il nuovo.
Tra le opere di Enrico Tommaso De Paris, quella più interessante per il discorso da me intrapreso è la sua ultima installazione, intitolata “Chromosoma”.
Per ciò che riguarda l’artista Gina Czarnecki, rilevante, tra le sue opere, è “Infected”.
Il suo lavoro definisce, in generale, l’umano e come questo viene oggi plasmato, e a sua volta plasma, il sociale, l’economico e il politico; ella investiga i modi nei quali gli elementi dell’umano vengono manipolati e controllati dalla realtà contemporanea e la ormai sempre più irriconoscibile differenza tra il naturale e ciò che invece è costruito dall’uomo.
Nel secondo gruppo ho, invece, collocato alcuni dei cosiddetti “artisti biotech”, o bioartisti, creatori della cosiddetta “arte transgenica” o “arte semi-vivente”. Essi definiscono una nuova tendenza mondiale che porta l’arte dentro i laboratori scientifici, utilizzando le biotecnologie come nuovissimo medium artistico. In questo modo così estremo e provocante, così lontano dalla classica idea di purezza artistica, questo tipo di arte accresce, comunque, il dibattito attuale sui pro e contro delle biotecnologie, aiutando, così, anche l’opinione pubblica ad avere una maggior consapevolezza nelle scelte riguardanti il proprio futuro, su questioni che non sempre sono alla portata di tutti.
Per quanto riguarda il primo artista che tra questi ho nominato, e cioè Eduardo Kac, tra le sue opere trovo importante citare “Genesis”, “GFP Bunny” e “The 8th day”.
Il Collettivo Symbiotica è un laboratorio di ricerca dedicato all’esplorazione artistica della conoscenza scientifica in generale e biotecnologica in particolare, fondato nel corso degli anni Novanta all’interno della University of Western Australia. Di questo gruppo artistico si possono citare lavori quali: “Victimeless Leather”, “Extra Ear ¼ Scale”, “The Pig Wings project” e “The Semi-living Worry Dolls”. Tutte queste opere, ognuna su una tematica particolare, sono sculture di tessuto create su strutture ibride di biopolimeri con cellule di tessuto osseo, cartilagineo, muscolare o epidermico e cresciute in bioreattori.
Di Peta Clancy, l’opera che si dimostra più interessante per questo discorso è quella denominata “Visible Human Body”.
Questa artista indaga, nei suoi lavori, il corpo e la sua connessione con le tecnologie biologiche e mediche utilizzando anche materiali organici, come ad esempio colture di batteri.
Utilizzando sia la libertà espressiva dell’arte, che la sua funzione etica ed educativa, questa direzione, assunta oggi da un certo numero di artisti, va presa, a mio avviso, nel migliore dei modi, cioè come un tentativo di apportare una critica costruttiva alle biotecnologie, ma allo stesso tempo non troppo ingenua, data la delicatezza dell’argomento trattato.
La critica artistica, insieme a quella bioetica e filosofica, può permetterci di analizzare correttamente questo mondo ancora così poco conosciuto e sul quale, ad ogni modo, il dibattito rimarrà aperto ancora per molto.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I INTRODUZIONE ALLE BIOTECNOLOGIE 1.1. CENNI STORICI Con l’inizio del Terzo millennio si apre una nuova era anche per la genetica moderna; dopo la rivoluzione industriale, basata sulla ricerca delle risorse fossili ed energetiche, e determinante per la storia dell’uomo negli ultimi due secoli, ora ci troviamo a che fare con una “rivoluzione biotecnologia”, in cui i geni fanno da protagonisti. La domanda “Cosa è la vita?” proviene da un passato molto lontano, in cui spiccano nomi illustri di filosofi e scienziati, a partire da Aristotele e Cartesio, fino ad arrivare a Darwin, che ci indicò il primo grande principio di descrizione e ordine di tutti gli esseri viventi; da questo importante punto di partenza, gli scienziati di tutto il mondo si volsero alla ricerca della natura degli organismi viventi: la teoria cellulare rappresentò un primo passo in questa direzione. Nel 1600, Robert Hooke, fisico, astronomo e naturalista, descrisse, per la prima volta, l’organizzazione cellulare di un frammento di sughero al microscopio; ne seguì un lungo periodo denso di osservazione e studio dei componenti di piante ed animali, ma fu solo all’inizio del 1900, con la nascita della genetica moderna e grazie all’opera del botanico Hugo De Vries, che furono riscoperte le leggi dell’ereditarietà studiate da Gregor Mendel: da quel momento in poi gli scienziati iniziarono a passare allo studio dei meccanismi e degli ingranaggi più sottili che regolano le funzioni del nostro organismo. Verso la metà del secolo scorso, il fisico Erwin Schrödinger iniziò la sua ricerca sui problemi della materia organica e ripropose la domanda “Cosa è la vita?”, facendone il titolo per una sua famosa opera pubblicata nel 1945, che tratta le questioni chiave della genetica e getta le basi per la futura biologia molecolare; nel 1953, con la scoperta della struttura a doppia elica del Dna, i premi Nobel James Watson e Francis Crick

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Vanina Santi Contatta »

Composta da 147 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4397 click dal 21/03/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.