Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mercato riassicurativo, copertura dei rischi catastrofali e ruolo dei cat bonds

Il presente lavoro di tesi è focalizzato sul mercato riassicurativo. In particolare si discute in merito alla copertura dei rischi catastrofali ed al ruolo dei cat bonds.
La riassicurazione è l'assicurazione per gli assicuratori diretti e consente una diversificazione su scala globale di rischi non assicurabili localmente (esempio terremoti,uragani).
La tesi è articolata in tre capitoli.
Nel capiolo 1 si introduce il mercato riassicurativo. Si discute sul ruolo della riassicurazione, sulla presenza di questa a livello globale e sulla concentrazione del settore e si illustrano, in termini generali, le tipologie contrattuali per l’assunzione dei rischi degli assicuratori diretti.
Benché i riassicuratori svolgano un ruolo importante nell’assorbire i grandi rischi del settore assicurativo, ci si domanda, nello stesso stesso capitolo, se loro stessi possano costituire un grande rischio per i loro clienti (gli assicuratori), il sistema finanziario e l’economia in generale. In dettaglio si discute come la mancanza di offerta riassicurativa possa causare disfunzioni all’economia, quali conseguenze derivano per gli assicuratori diretti in seguito a fallimenti nella riassicurazione e come quest’ultima influisce sul mercato creditizio e finanziario.
Nel capitolo 2 si mostra come il settore riassicurativo abbia risposto alle grandi catastrofi relative al biennio 2004-2005 e viene fatta qualche riflessione sulla regolamentazione dello stesso settore con particolare riferimento a quella degli Stati Uniti. Inoltre si discute qualitativamente sulle possibili cause di inefficienza nella riassicurazione catastrofale.
Il capitolo 3 è invece focalizzato sul ruolo dei cat bonds. Vengono descritti il meccanismo della loro emissione e la loro evoluzione nel mercato riassicurativo catastrofale. Si discute, da un punto di vista teorico, sul loro impatto nel settore riassicurativo. In particolare vengono analizzati quattro modelli in cui si discutete sulle seguenti questioni:
1.quali effetti derivano dall’introduzione dei cat bonds sulla competizione tra riassicuratori in un contesto caratterizzato da asimmetria informativa;
2.l’ impatto dei cat bonds su un contratto riassicurativo ottimale; si considera uno scenario semplificato in cui si trascurano le problematiche di asimmetria informativa ed il rischio di credito per il riassicurato. Entrambi i soggetti, assicuratore e riassicuratore, vengono considerati avversi al rischio;
3.se e in quali condizioni i cat bonds possono migliorare il benessere sociale quando i riassicuratori sono soggetti a rischio di default e nel caso in cui vi sia assenza di priorità nella distribuzione degli asset in caso di bancarotta;
4.si considera la possibilità di ricorre ad una gap insurance, ovvero ad una assicurazione che copra in parte il basis risk associato a cat bonds indicizzati o parametrici.

Mostra/Nascondi contenuto.
Politecnico di Torino – IV Facoltà di Ingegneria – Paolo Bensi Introduzione 1 Introduzione Il presente lavoro di tesi è focalizzato sul mercato riassicurativo. In particolare si discute in merito alla copertura dei rischi catastrofali ed al ruolo dei cat bonds. In termini generali, la riassicurazione è l’assicurazione per le assicurazioni: permette all’assicuratore diretto di realizzare una riduzione della propria posizione aleatoria trasferendo una parte dei propri rischi al riassicuratore. Il ruolo dell’assicurazione è quello di diversificare il rischio. Le compagnie assicurative assumono i rischi di consumatori e imprese e diversificano il rischio emettendo un elevato numero di polizze. In linea di massima un rischio è assicurabile se i danni degli assicurati si verificano casualmente e sono tra loro statisticamente indipendenti, se esiste un limite massimo di danno e se è applicabile la legge dei grandi numeri. I rischi che riportano queste caratteristiche possono essere assicurati su scala locale. Perdite, come quelle derivanti dalle grandi catastrofi naturali, non soddisfano la condizione di indipendenza statistica e di conseguenza non sono localmente assicurabili. Un singolo evento, come il verificarsi di una catastrofe, può causare perdite simultanee ad un elevato numero di assicurati, violando il principio della diversificazione. Tuttavia, rischi che sono dipendenti a livello locale, possono essere indipendenti su scala globale, come per esempio il rischio di tornadi nell’America Centrale rispetto a quello in Australia. Quanto detto giustifica l’esistenza della riassicurazione: rischi che non sono localmente assicurabili, possono

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Bensi Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4064 click dal 20/03/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.