Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura dell'imprenditore nel diritto commerciale

In questa tesi ho voluto analizzare la complessa figura dell’imprenditore nell’ambito del diritto commerciale.
Ho innanzitutto esaminato i requisiti espressamente richiesti dall’articolo 2082 del codice civile per poter ottenere la qualifica di imprenditore (attività produttiva, organizzazione, economicità dell’attività e professionalità), il che ha messo in evidenza come ci siano molteplici interpretazioni relative a tali requisiti, spesso tra loro in netta contrapposizione.
Quindi, ho voluto analizzare i requisiti che, invece, non sono esplicitamente richiesti (scopo di lucro, destinazione al mercato e liceità dell’attività svolta), valutando se questi siano o meno indispensabili al fine dell’ottenimento della qualifica di imprenditore. E, anche, in questo caso emergono nette contrapposizioni di opinioni, tra coloro che li ritengono indispensabili e coloro che li ritengono superflui.
Una volta delineati i caratteri che contraddistinguono, a livello generale, l’imprenditore, ho esaminato la figura dell’imprenditore in maniera più specifica, analizzando le varie categorie di imprenditori, distinte dal codice civile in base all’oggetto dell’attività (imprenditore agricolo e imprenditore commerciale), alla dimensione dell’impresa (piccolo imprenditore e imprenditore medio-grande) e alla natura del soggetto che esercita l’impresa (impresa individuale, impresa societaria e impresa pubblica). In particolar modo mi sono concentrato sulla figura dell’imprenditore commerciale, analizzando le peculiarità dello statuto speciale che il codice civile ha previsto specificamente per tale categoria di imprenditore (l’iscrizione nel registro delle imprese con effetti di pubblicità legale, le scritture contabili, la disciplina della rappresentanza commerciale e le procedure concorsuali), in aggiunta allo statuto generale dell’imprenditore, destinato a tutti gli imprenditori. Si tratta di una disciplina che ha carattere essenzialmente pubblicistico, in quanto finalizzato alla tutela degli interessi generali della collettività direttamente toccati dalle attività svolte dagli imprenditori commerciali.
In definitiva, dalla trattazione da me è effettuata, emerge in maniera evidente come il sistema delineato dal legislatore del 1942 per disciplinare la figura dell’imprenditore non brilli certo per linearità e chiarezza, comportando per questo motivo non pochi problemi applicativi, e che tale sistema sia costruito, soprattutto, intorno alla figura dell’imprenditore commerciale, cosa che è chiaramente dimostrata dal fatto di aver previsto una specifica disciplina per tale categoria di imprenditore, in aggiunta allo statuto generale.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA In questa tesi ho voluto analizzare la complessa figura dell’imprenditore nell’ambito del diritto commerciale. Ho innanzitutto esaminato i requisiti espressamente richiesti dall’articolo 2082 del codice civile per poter ottenere la qualifica di imprenditore (attività produttiva, organizzazione, economicità dell’attività e professionalità), il che ha messo in evidenza come ci siano molteplici interpretazioni relative a tali requisiti, spesso tra loro in netta contrapposizione. Quindi, ho voluto analizzare i requisiti che, invece, non sono esplicitamente richiesti (scopo di lucro, destinazione al mercato e liceità dell’attività svolta), valutando se questi siano o meno indispensabili al fine dell’ottenimento della qualifica di imprenditore. E, anche, in questo caso emergono nette contrapposizioni di opinioni, tra coloro che li ritengono indispensabili e coloro che li ritengono superflui. Una volta delineati i caratteri che contraddistinguono, a livello generale, l’imprenditore, ho esaminato la figura dell’imprenditore in maniera più specifica, analizzando le varie categorie di imprenditori, distinte dal codice civile in base all’oggetto dell’attività (imprenditore agricolo e imprenditore commerciale), alla dimensione dell’impresa (piccolo imprenditore e imprenditore medio-grande) e alla natura del soggetto che esercita l’impresa (impresa individuale, impresa societaria e impresa pubblica). In particolar modo mi sono concentrato sulla figura dell’imprenditore commerciale, analizzando le peculiarità dello statuto speciale che il codice civile ha previsto specificamente per tale categoria di imprenditore (l’iscrizione nel registro delle imprese con effetti di pubblicità legale, le scritture contabili, la disciplina della rappresentanza commerciale e le procedure concorsuali), in aggiunta allo statuto generale dell’imprenditore, destinato a tutti gli imprenditori. Si tratta di una disciplina che ha carattere essenzialmente pubblicistico, in quanto finalizzato alla tutela degli interessi generali della collettività direttamente toccati dalle attività svolte dagli imprenditori commerciali.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Fabrizio Taldone Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15678 click dal 20/03/2008.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.