Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le transizioni scuola-lavoro dei giovani in Europa. Un confronto tra Italia e Germania.

Abstract

Questa tesi si preoccupa di analizzare il fenomeno delle transizioni scuola-lavoro dei giovani in Europa, con una particolare attenzione al caso Italiano e Tedesco. In particolare, nel primo capitolo si esaminano gli studi economici riguardanti lo youth experience gap e si analizza la flessibilità quale condizione associata alle transizioni come intesa dalla corrente liberista neoclassica e da quella interventista. Forniti gli strumenti conoscitivi necessari per un approccio metodologico alla tesi, segue un secondo capitolo ove viene dato un quadro generale dell’istruzione, delle istituzioni deputate alle transizioni scuola-lavoro e delle politiche adottate nei vari paesi Europei. Potremo così collocare nello spazio il nucleo della tesi, che è il confronto tra Italia e Germania, la cui trattazione è rimessa ai capitoli terzo e quarto. Le problematiche isolate all’interno della tesi sulle quali l’autore intende concentrarsi, sono la scarsa mobilità sociale associata all’elevato grado di rigidità dei sistemi di istruzione, l’estraneità dell’Italia a tirocini e corsi di formazione professionale, la tendenza degli studenti universitari a prolungare la durata degli studi dedicandosi ad esperienze lavorative saltuarie ed infine le relazioni intercorrenti tra flessibilità numerica, occupazione e profili reddituali.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Abstract Questa tesi si preoccupa di analizzare il fenomeno delle transizioni scuola-lavoro dei giovani in Europa, con una particolare attenzione al caso Italiano e Tedesco. In particolare, nel primo capitolo si esaminano gli studi economici riguardanti lo youth experience gap e si analizza la flessibilità quale condizione associata alle transizioni come intesa dalla corrente liberista neoclassica e da quella interventista. Forniti gli strumenti conoscitivi necessari per un approccio metodologico alla tesi, segue un secondo capitolo ove viene dato un quadro generale dell’istruzione, delle istituzioni deputate alle transizioni scuola-lavoro e delle politiche adottate nei vari paesi Europei. Potremo così collocare nello spazio il nucleo della tesi, che è il confronto tra Italia e Germania, la cui trattazione è rimessa ai capitoli terzo e quarto. Le problematiche isolate all’interno della tesi sulle quali l’autore intende concentrarsi, sono la scarsa mobilità sociale associata all’elevato grado di rigidità dei sistemi di istruzione, l’estraneità dell’Italia a tirocini e corsi di formazione professionale, la tendenza degli studenti universitari a prolungare la durata degli studi dedicandosi ad esperienze lavorative saltuarie ed infine le relazioni intercorrenti tra flessibilità numerica, occupazione e profili reddituali. Introduzione L’argomento trattato in questa tesi , che è quello della disoccupazione giovanile, è di notevole attualità, poiché quest’ultima rappresenta una costante in quasi tutti i paesi dell’Unione Europea, dove peraltro il rapporto tra tasso di disoccupazione giovanile e tasso di disoccupazione adulta si aggira intorno a 2. Proprio per comprendere le cause delle difficoltà occupazionali dei giovani e provare ad individuare delle possibili soluzioni, nella tesi si prendono in esame un paese come l’Italia dove vi è uno dei tassi di disoccupazione giovanile più elevati ed uno

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Zammarelli Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5593 click dal 20/03/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.