Skip to content

Implementazione di un sistema di codifica video distribuita con soppressione dello stadio di training

Informazioni tesi

  Autore: Manuel Di Toma
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle telecomunicazioni
  Relatore: Francesco De Natale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

Le architetture di codifica video, fino ad oggi, sono state primariamente guidate dall'approccio orientato al “downlink” ispirato al modello di broadcast televisivo, dove la complessità del codificatore è solitamente molto maggiore di quella del decodificatore. Oggi, grazie alla
crescente diffusione di sorgenti video quali reti di sensori, cellulari multimediali dotati di videocamere, webcam e sistemi di video sorveglianza a basso costo, questo paradigma sta evolvendo e si stanno aprendo nuovi scenari applicativi.
Si configurano quindi, nuovi vincoli progettuali che condizionano lo studio dei sistemi di trasmissione video. Essi possono comprendere:
● la necessità di una ridotta complessità di codifica, dovuta alla presenza di dispositivi alimentati a bassa potenza e con ridotta capacità computazionale;
● l'utilizzo di sistemi che consentano un alto livello di compressione, a causa delle limitate risorse trasmissive a disposizione dei terminali video;
I classici sistemi di codifica video non rispondono a tutti questi requisiti simultaneamente.
Infatti, gli approcci di codifica dei noti standard della famiglia H.26X e MPEG, presentano un'efficienza di compressione ed una qualità di codifica estremamente elevate, ma sono spesso onerosi dal punto di vista computazionale. L'approccio convenzionale vede infatti la
presenza di codificatori molto complessi e decodificatori più semplici.
La codifica video distribuita (DVC), si pone invece l'obiettivo di trasferire parte della complessità computazionale dall'encoder al decoder cercando di contenere le riduzioni di performance.
La prima pubblicazione nell'ambito della progettazione di un sistema di codifica video distribuita, risale al 1999. Negli anni, l'attenzione verso questo nuovo approccio di
codifica è stata sempre crescente, ed ha portato alla realizzazione di molte architetture DVC.
Ad oggi, i limiti prestazionali vengono dettati da tre importanti modelli di codifica video distribuita: il PRISM, e i due codec DVC realizzati da Aaron, Setton e Girod (vedere bibliografia).
Alte prestazioni, solitamente, comportano dei limiti infrastrutturali. Infatti, i sistemi sopracitati sono sì molto performanti, ma presentano delle limitazioni. In PRISM le sequenze video vengono codificate in maniera ottimale solamente dopo una fase di training per stimarne i parametri di codifica. I modelli di Aaron, Setton e Girod, invece, comportano l'utilizzo di un canale di feedback. Quest'ultimo, necessario per il funzionamento dell'intero
sistema, non può essere eliminato. Ciò è inapplicabile ad uno scenario che vede necessaria una comunicazione in tempo reale.
Lo scopo di questa tesi è quello di sviluppare un sistema di codifica video distribuita che, tenendo presenti i limiti dei sistemi sopracitati, elimini lo stadio di training e non consideri la presenza di canali di feedback, rendendone possibile l'applicazione a sistemi reali che utilizzino terminali ed un'architettura di rete semplici.
Nel primo capitolo di questo lavoro di tesi, vengono presentate le caratteristiche di un segnale video digitale, gli standard della famiglia MPEG e le basi teoriche della codifica di sorgente distribuita.
Nel secondo capitolo, vengono illustrati i lavori più significativi presenti in letteratura nell'ambito della codifica video distribuita. Il metodo di codifica scelto è invece descritto nel terzo capitolo e la sua implementazione è esposta nel quarto. I risultati di questo lavoro sono paragonati poi con quelli dei modelli di riferimento all'interno del quinto capitolo. Nel sesto
capitolo, vengono elencati possibili sviluppi del modello implementato; in particolare, proponendo un possibile sistema di cifratura applicabile al codec realizzato. Nell'ultimo capitolo infine, sono contenute le riflessioni conclusive relativamente al lavoro svolto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
                                                                                                                               !                           "     #                             $                                         $ %                   %             &'()                                                                   *               +,-./                                                                                             0111  234 5                                   ,-. 6                                    #  274  ,-.  6 ! 8    294

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aaron
codec
codifica
coset
distribuita
distribuito
dsc
dsp
dvc
elaborazione
encoder
girod
mpeg
multimedialità
prism
setton
side information
slepian
video
wolf
wyner
yuv
ziv

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi