Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di un impianto per la produzione di biodiesel integrato ad un impianto di cogenerazione a biomassee di produzione alcool esistente

E' stata studiata la fattibilità per la realizzazione di un impianto di produzione di biodiesel in cogenerazione con una turbina a vapore esistente alimentata a biomasse vegetali ed un impianto di disalcoolazione di vinacce. Produzione di biodiesel completamente rinnovabile in quanto prodotto con etanolo (e non metanolo come di solito), studiate tutte le combinazioni di transesterificazione tra diversi oli (soia, colza, girasole, palma, brassica carinata), alcool (etanolo e metanolo) e catalizzatore basico (idrossido di sodio e di potassio). Applicazione della distillazione salino estrattiva con cloruro di calcio per rottura dell'azeotropo etanolo-acqua ottenendo etanolo completamente anidro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1 0 - INTRODUZIONE Lo scopo di questa Tesi di Laurea Magistrale è quello di progettare un impianto innovativo di produzione biodiesel in cogenerazione con un impianto esistente costituito da una turbina a vapore alimentata a biomasse vegetali, della potenza di 13 MW, implementata ulteriormente con un impianto di disalcoolazione di vinacce per l’ottenimento di una flemma a bassa gradazione alcoolica. L’idea è di utilizzare parte del vapore prodotto per coprire l’esigenza di calore dei processi di transesterificazione e distillazione, parte dell’energia elettrica ottenuta all’alternatore per il funzionamento di tutti i dispositivi ausiliari presenti nell’impianto, nonché sfruttare la flemma alcoolica a bassa gradazione (15°-20°) attualmente ottenuta distillandola con un metodo innovativo che consente di avere etanolo al 99,998% molare; è da notare che la distillazione dell’etanolo presenta non poche difficoltà in quanto tale componente in miscela con l’acqua forma un azeotropo che non ne consente la separazione totale. L’etanolo però è richiesto alla massima purezza per via dei problemi che si presentano nel corso della reazione chimica in caso di utilizzo di miscela idrata di etanolo, anche in piccolissima percentuale. Quindi si interviene a monte del processo al fine di evitare i problemi tipici della

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Giuseppe Scapillati Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3693 click dal 21/03/2008.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.