Skip to content

I linfomi sottocutanei simil-panniculitici a cellule T. La definizione di una nuova entità nell’ambito dei linfomi cutanei

Informazioni tesi

  Autore: Laura Masetto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Università Vita Salute San Raffaele di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e chirurgia
  Relatore: Federico Caligaris Cappio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 193

I linfomi sottocutanei simil-panniculitici a cellule T sono linfomi cutanei primitivi non Hodgkin caratterizzati da un comportamento clinico aggressivo e un coinvolgimento dell’ipoderma. Essi sono molto rari e di recente individuazione. Attualmente, la classificazione WHO/EORTC riconosce due tipi di linfomi sottocutanei simil-panniculitici: il primo, definito dall’espressione da parte dei linfociti tumorali del recettore per le cellule T αβ, è considerato un’entità a sé stante di linfoma indolente; il secondo, con fenotipo γδ, è invece un tumore particolarmente aggressivo, incluso tra i linfomi a cellule T cutanei γδ (CGD-TCL) che rientrano nella classificazione dei linfomi primitivi cutanei come entità provvisorie.
Questa suddivisione ha importanti implicazioni prognostiche e terapeutiche, tuttavia, dai pochi studi effettuati su questi linfomi, per lo più review e reports clinici singoli o di serie di casi limitate, si evince che essa non è completamente accettata o compresa dalla comunità scientifica. Un’analisi approfondita della letteratura è proprio ostacolata dall’assenza di dati immunofenotipici completi o dall’inclusione di linfomi maligni con interessamento sottocutaneo predominante diversi dai linfomi sottocutanei simil-panniculitici.
Se la diagnosi differenziale tra i linfomi simil-panniculitici αβ e γδ pone non pochi problemi interpretativi, ancora più difficile è quella tra i linfomi simil-panniculitici e le panniculite, in particolare il lupus profundus. Spesso la terapia per il linfoma viene impostata tardivamente, poiché i pazienti hanno una precedente diagnosi di panniculite lupica. Anche in questo caso, lo studio bibliografico è complicato dalla confusione dovuta alla mancanza di criteri clinico-patologici ben definiti.
L’Organizzazione Europea per la Ricerca e il Trattamento del Cancro (EORTC) ha condotto uno studio multicentrico in cui sono stati analizzati 83 casi di linfoma sottocutaneo simil-panniculitico provenienti da otto dipartimenti europei, per confermare che i due tipi di linfoma sono da considerarsi due entità distinte di linfoma cutaneo e per chiarirne gli aspetti differenziativi. Il Prof. Berti, direttore del Centro di Immunopatologia dell’Istituto di Scienze Dermatologiche dell’Ospedale Maggiore, è stato uno dei promotori di questo lavoro, che sarà pubblicato prossimamente sulla rivista scientifica “Blood”.
La tesi ha lo scopo di definire questi linfomi, alla luce della nuova classificazione, sotto il profilo clinico, diagnostico, prognostico e terapeutico, prestando particolare attenzione alla diagnosi differenziale. Per esporre lo studio effettuato con maggiore semplicità di lettura, la tesi è stata suddivisa in tre sezioni.
La prima sezione espone in anteprima lo studio EORTC ed introduce i linfomi in generale e la classificazione dei linfomi cutanei. Per redigere la successiva descrizione dei linfomi sottocutaneo simil-panniculitico αβ e cutaneo γδ, lo studio bibliografico è stato affiancato a quello clinico, anatomo-patologico e molecolare, di quattro casi (due a fenotipo αβ e due γδ) diagnosticati presso il Centro di Immunopatologia dell’Istituto di Scienze Dermatologiche dell’Ospedale Maggiore di Milano. Alcuni dati epidemiologici risultati dall’analisi statistica effettuata dall’EORTC sono stati inseriti nella trattazione, anticipando i risultati dell’analisi statistica. E’ stata inserita anche una breve panoramica sulla sindrome emofagocitica, grave e frequente complicanza dei linfomi sottocutanei simil-panniculitici. Dopo la spiegazione delle tecniche di laboratorio utilizzate (istologia, citomorfologia, immunoistochimica, PCR) per lo studio, sono stati inseriti i risultati delle analisi statistiche effettuate sugli 83 pazienti, che riassumono in parte quanto detto sui linfomi cutanei esaminati.
La seconda parte inizia con una breve introduzione sulle panniculiti, mostrando la classificazione di più recente pubblicazione. Lo studio del lupus profundus, mediante ricerca bibliografica e attraverso l’analisi clinica, istologica, immunofenotipica e molecolare di 10 pazienti, espone i principali criteri differenziativi rispetto ai linfomi simil-panniculitici.
La terza sezione è quella più sperimentale. I linfomi sottocutanei simil-panniculitici sono stati analizzati con la tecnica dell’array-CGH (Comparative Genomic Hybridization), finora mai impiegata per questi linfomi. Poiché nessun linfoma αβ e solamente uno dei due linfomi γδ ha mostrato delle alterazioni cromosomiche, i risultati dell’analisi non potevano risultare significativi. Il confronto con sei casi derivati dallo studio di altri linfomi cutanei citotossici, con cui i linfomi simil-panniculitici devono essere posti in diagnosi differenziale, ha confermato le alterazioni del ciclo cellulare nei casi di linfoma γδ, mettendo in risalto quelle che potrebbero essere le vie comuni di alterazione che rendono questi tumori così simili dal punto di vista clinico-patologico e prognostico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PRESENTAZIONE I linfomi sottocutanei simil-panniculitici sono linfomi cutanei primitivi non Hodgkin con un comportamento clinico aggressivo. Essi sono molto rari e di recente individuazione. Attualmente sono riconosciuti due tipi di linfomi sottocutanei simil-panniculitici, a seconda che i linfociti tumorali esprimano il recettore per le cellule T αβ (SPTL-AB) oppure γδ (SPTL-GD). Questi due sottotipi di linfoma SPTL, tuttavia, mostrano delle differenze consistenti. L�Organizzazione Europea per la Ricerca e il Trattamento del Cancro (EORTC) ha condotto uno studio multicentrico, in cui sono stati analizzati 83 casi di linfoma sottocutaneo simil-panniculitico provenienti da otto dipartimenti europei, per dimostrare che i due tipi di linfoma sono da considerarsi due entit� distinte di linfoma cutaneo. I risultati dello studio saranno pubblicati su un�importante rivista scientifica. La tesi, mediante lo studio dei linfomi selezionati in Italia, tra i pazienti in cura presso il Centro di Immunopatologia dell�Istituto di Scienze Dermatologiche dell�Ospedale Maggiore di Milano, diretto dal Prof. Berti, ed un�accurata ricerca bibliografica, dimostra le differenze esistenti tra i due tipi di linfomi e li definisce dal punto di vista clinico-patologico, immunofenotipico, molecolare e prognostico, indicando quale debba essere la migliore scelta terapeutica per la cura dei pazienti. Le analisi statistiche, che confermano lo studio classificativo, sono state invece condotte anche sui dati ottenuti dagli altri centri di ricerca, quindi su tutti gli 83 casi di linfoma sottocutaneo simil-panniculitico esaminati. La diagnosi differenziale dei linfomi sottocutanei simil-panniculitici deve essere posta, oltre che tra le forme a fenotipo αβ e quelle γδ, anche con altri tipi di linfoma cutaneo e soprattutto con le altre panniculiti, in particolare con il lupus profundus. Troppo spesso, infatti, con una precedente diagnosi di panniculite lupica, i pazienti sono avviati tardivamente alla cura per il linfoma sottocutaneo simil-panniculitico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi molecolare
array-cgh
cellula t
cicline
ciclo cellulare
classificazione linfomi
dermatologia
eortc
hodgkin
immunofenotipo
linfomi
lupus
non hodgkin
panniculiti
sindrome emofagocitica
sottocutaneo
who

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi