Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sul cinema di Ferzan Ozpetek

La tesi intende a rappresentare il cinema del regista Ferzan Ozpetek dal Bagno turco uscito nel 1997, fino al Saturno contro del 2007. Un elemento fondamentale delal tesi e' il punto di vista di un uomo che e' nato in Turchia, e anche se ormai e' diventato italianizzato, rimane un outsider, per quanto riguarda il modo in cui vede il mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 I. Introduzione Quando ho sentito il nome del regista Ferzan Ozpetek per la prima volta, e quello che dicevano i miei amici che me ne avevano parlato, pensavo che esagerassero. Eravamo verso il 2002, cioŁ dopo che Ozpetek aveva girato i suoi primi tre film, Hamam, Harem suarØ e Le fate ignoranti, e in Ungheria stava diventando noto per il fatto che trattava temi legati all omosessualit . Non avevo ancora visto nessuna delle sue pellicole perchØ ero convinto che non avessero nessun altro interesse oltre alla presentazione di personaggi gay come protagonisti. Qualche anno piø tardi, ho ricevuto una copia di Hamam e Le fate ignoranti in regalo. Allora ho deciso di guardarli tutti e due, per sapere almeno se erano veramente tanto ben riusciti quanto io avevo sentito dire. Con sorpresa, ho incontrato un regista, i cui film sono molto di piø che semplici presentazioni di personaggi omosessuali; Ozpetek narra le sue storie in maniera molto sensibile, affrontando anche altri temi abbastanza delicati, come per esempio l emarginazione e la sofferenza dell essere umano. Anch io sono molto interessato a riflettere su questi temi e quindi, a quel punto, sono entrato in un mondo di racconti che, oltre ai notevoli successi di pubblico, ricevono critiche molto incoraggianti e prestigiosi premi, come per esempio il Nastro d Argento. E cos mi sono interessato sempre di piø di questo regista nato in Turchia, e quindi portatore di una cultura interessante e critica nei confronti di una societ che cerca di nascondere tutti i suoi difetti e problemi; nei suoi film anche noi spettatori possiamo vedere noi stessi attraverso gli occhi di un outsider , di qua lcuno arrivato da lontano. ¨ proprio questo il punto di vista che Ozpetek offre agli spetta tori: egli guarda l Italia, anzi l occidente, e soprattutto la gente che ci vive sempre un po da lontano, e anche se vive a Roma dal 1979 ed Ł diventato quasi assolutamnete italiano, conserva uno sguardo particolare, che potremmo definire esterno , e che per me Ł molto interessante.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gergo Forro Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4197 click dal 26/03/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.