Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Responsabilità sociale dell’impresa e bilancio sociale: fondamenti dottrinali, aspetti strategico-organizzativi e gestionali

Il tema della Corporate Social Responsibility (CSR) ha suscitato in questi anni un notevole interesse da parte di studiosi di diversa matrice (economisti, sociologi, psicologi, storici, etc.) e tuttora gode di grandissima attenzione sia a livello accademico sia a livello imprenditoriale. La riflessione nata attorno al concetto di CSR è inoltre la naturale conseguenza di un approccio volto a considerare l’attività d’impresa in termini più ampi: l’azienda non viene più rappresentata come realtà asettica, bensì come attore di un sistema di relazioni ampio, dinamico e complesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE I – Corporate social responsibility: un tema di forte attualità Il tema della Corporate Social Responsibility (CSR) 1 ha suscitato in questi anni un notevole interesse da parte di studiosi di diversa matrice (economisti, sociologi, psicologi, storici, etc.) e tuttora gode di grandissima attenzione sia a livello accademico sia a livello imprenditoriale. La riflessione nata attorno al concetto di CSR è inoltre la naturale conseguenza di un approccio volto a considerare l’attività d’impresa in termini più ampi: l’azienda non viene più rappresentata come realtà asettica, bensì come attore di un sistema di relazioni ampio, dinamico e complesso. Sebbene il termine “responsabilità sociale d’impresa” sia stato coniato in tempi piuttosto recenti, il rapporto tra economicità e socialità rappresenta un tema di discussione già presente all’interno dei primi studi di economia aziendale. Zappa (1956), ad esempio, sottolinea come l’attività d’impresa in quanto attività umana sia sempre una e non vi debba essere distinzione tra dimensione economica e dimensione sociale. Onida (1960) definisce l’impresa come “istituto sociale” che, non avendo fini meramente economici, opera in funzione del benessere umano 2 . In questa logica, all’interno della società, l’impresa non opera in maniera egoisticamente disinteressata dalla realtà che la circonda, ma può svolgere un importantissimo ruolo nella promozione del benessere sociale. In altre parole, si continua a riconoscere all’impresa il compito di produrre profitto (o quantomeno di mantenere l’equilibrio tra costi e ricavi) ma, al contempo, si guarda 1 Altrimenti detta Responsabilità Sociale d’Impresa (RSI). 2 Cfr. paragrafo 1.5.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Federico Centanaro Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6295 click dal 27/03/2008.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.