Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi del pomodoro - Arte e pubblicità

La tesi si occupa del rapporto fra l'arte e la pubblicità, sin dai suoi inizi.
Tratta singolarmente i decenni dalla fine dell'800 ai nostri giorni, analizzando e approfondendo i maggiori artisti. Il lavoro termina con un'intervista ad un artista/ grafico pubblicitario.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE. Come sarà l’arte del futuro? Tridimensionale, virtuale, avvolgente e interattiva, tanto perfettamente simile al reale da non poterla distinguere in niente? Sarà allora ancora pubblicità? Oppure la differenza per quanto minima o “ultrasottile” come direbbe Duchamp, è necessaria per vedere e per vendere, per convincere, suscitare pensiero e desiderio? E l’arte, si discioglierà essa pure senza soluzione di continuità nel reale o nella pubblicità, confondendovisi, sparendo del tutto come attività autonoma e differente? Non esiste infatti percezione senza desiderio e senza pensiero.

Tesi di Laurea

Facoltà: Design e Arti

Autore: Marco Randazzo Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4878 click dal 28/03/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.