Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi LCA di una filiera agroenergetica per la coltivazione del girasole altoleico.

Analisi LCA di una filiera agroenergetica per la coltivazione del girasole altoleico

Mostra/Nascondi contenuto.
VOICE (Vegetable Oil Iniziative for a Cleaner Enviroment) Analisi LCA di una Filiera Agroenergetica 1 1) Introduzione L obiettivo del lavoro di tesi Ł stato quello di analizzare le filiere per la produzione di biocombustibili derivati da colture a destinazione energetica (per il momento girasole alto oleico), all interno del progetto europeo VOICE Life , ed il loro utilizzo in azienda, come combustibile rinnovabile. Le analisi sono state condotte su dati campionari relativi a quattro aziende operanti all interno del progetto VOICE (Vegetable oil initiative for a cleaner environment). Con tali dati Ł stato possibile implementare uno studio di LCA (Life Cycle Assessment) necessario ad individuare in modo organico i vari impatti generati dalla filiera che porta alla produzione dell olio vegetale di girasole. Tale elaborato si inserisce come parte integrante del progetto VOICE in quanto permetter di valutare quali sono i parametri da c ui il modello azienda agro energetica dipende maggiormente in modo da ottimizzare, da un punto di vista energetico-ambientale, la filiera stessa. La finalit del progetto, Ł lo studio di tre filier e agricole in modo da verificare la validit in termini energetici ed ambientali della coltivazione del girasole. Nel primo caso la filiera si completa con la produzione di olio di girasole grezzo; anche nel secondo caso il prodotto uscente dalla filiera Ł l olio di girasole che viene per ottenuto impiegando come fonte energetica l olio stesso, in modo da rendere l azienda agroenergetica la principale fruitrice del valore aggiunto del suo prodotto: l olio grezzo, ottenuto per spremitura meccanica, pu essere infatti utilizzato per la produzione di energia elettrica da immettere in rete mediante motori diesel oppure servire tal quale per motori diesel di trattori o per caldaie aziendali. In questi due casi di filiere no-food, all estrazione di olio grezzo Ł associata la produzione di un panello caratterizzato da un alto contenuto nutrizionale che potrebbe essere adeguatamente ed opportunamente valorizzato in ambito zootecnico (nella stessa azienda o immesso sul mercato), come alimento di sicura tracciabilit . Una terza filiera (food) prevede la coltivazione di mais ad uso alimentare; questa filiera Ł stata analizzata per mettere in evidenza le differenze di impatto tra filiere food e no-food. Tutte le analisi sopra citate sono state implementate con il software Simapro 7.1 ed i dati necessari sono stati ottenuti grazie ad un audit eseguito dalla Facolt di Agraria di Firenze presso le aziende aderenti al progetto VOICE.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Federico Lupori Contatta »

Composta da 185 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1760 click dal 28/03/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.