Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’arte di comunicare e l’importanza della relazione tra il tecnico sanitario di radiologia medica e il paziente

Tutta la vita dell’essere umano è esperienza di comunicazione. Parlando o rimanendo in silenzio compiendo un gesto o tralasciandolo, l’uomo comunica.

In questo lavoro, intendo soffermarmi sulla relazione tra tecnico di radiologia medica (TSRM) e paziente. La comunicazione tra il TSRM e il cliente deve essere considerata come una funzione clinica fondamentale da non trascurare. In tal modo cercherò di identificare quali sono le possibili relazioni d’aiuto che può apportare la figura del TSRM nel momento in cui viene in contatto con l’utente che si appresta ad effettuare un esame radiologico. Cercare di individuare un modello di iterazione,di comunicazione e di relazione specifico focalizzando l’attenzione dell’intervento sul qui ed ora….

Cercare quindi d’essere più in ascolto, più osservatori...
Il colloquio è lo strumento che utilizziamo quotidianamente nelle nostre relazioni professionali può essere definito come una conversazione durante la quale due o più persone scambiano idee, sentimenti, informazioni ed opinioni per raggiungere degli obiettivi concordati, , ma è anche lo strumento che ci permette di instaurare una comunicazione efficace. L’empatia occupa un posto chiave nel colloquio perché è ritenuta una condizione necessaria per instaurare l’intesa collaborativa senza la quale, secondo alcuni studiosi, nessuna strategia di intervento può avere efficacia.

Augurandomi di suscitare negli altri un analogo lavoro di ricerca e di approfondimento trovo appropriato concludere con questa frase :” Si può essere totalmente razionali con una macchina; ma se si lavora con le persone spesso la logica deve dare spazio alla comprensione”…(Akio Morita).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Tutta la vita dell’essere umano è esperienza di comunicazione. Parlando o rimanendo in silenzio compiendo un gesto o tralasciandolo, l’uomo comunica, in famiglia, al lavoro, con gli amici, ci capita di assistere o di essere coinvolti in situazioni comunicative di accordi, disaccordi, liti, equilibri a cui non riusciamo a dare una spiegazione logica se si guardano solo gli aspetti contenutistici. In questo lavoro, intendo introdurre un modo diverso di considerare le relazioni interpersonali, soffermandomi soprattutto sulla comunicazione che si instaura tra il tecnico di radiologia medica (TSRM), ovvero la categoria a cui appartengo, ed il paziente nel momento in cui quest’ultimo si appresta ad eseguire un indagine diagnostica di tipo radiologica, cercando di trovare, sempre mantenendo il rispetto del codice deontologico, un modello d’iterazione capace di supportare l’utente in quelle paure, ansie e inconsapevolezze che trascina con sé nel reparto di diagnostica radiologica e che lo distolgono dal “qui ed ora”, generando uno stato di disagio. Mi auguro che questo mio lavoro possa suscitare negli altri un Un uomo, in una sala d’attesa di un ospedale, se ne sta in disparte a leggere un giornale mentre gli altri discutono fra di loro. Un analisi superficiale della situazione porterebbe alla conclusione che quell’uomo non stia comunicando. Tramite il suo comportamento, invece, invia messaggi chiari e inequivocabili : sta comunicando che

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Stefano Bonetti Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11172 click dal 02/04/2008.

 

Consultata integralmente 48 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.