Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La straordinaria vicenda di Tiziano Terzani, inviato nel mondo

Biografia di Tiziano Terzani e analisi dei suoi libri in relazione con i temi che fanno da fil rouge tra questi: la spiritualità e la magia, il comunismo, la guerra contro la guerra, la modernizzazione.
Ho raccolto varie testimonianze di colleghi, amici e persone che sono state colpite e influenzate dal messaggio di questo grandegiornalista ma soprattutto di questo grand uomo. Sono presenti anche articoli e interviste tratti da giornali e riviste.

Mostra/Nascondi contenuto.
BIOGRAFIA Difficile riassumere una vita così intensa e straordinaria, ci proverò usando come punto di riferimento La fine è il mio inizio, l’ultima opera di Tiziano Terzani, dettata al figlio Folco e i preziosi racconti di sua moglie, Angela Terzani Staude, che mi ha gentilmente concesso un po’ del suo tempo per svelarmi qualcosa di più sulla meravigliosa figura di suo marito, nonché gli altri libri scritti dal giornalista fiorentino. Terzani nasce il 4 settembre 1938 a Monticelli, un quartiere popolare di Firenze, dove trascorre la prima infanzia, in un mondo sicuro ma anche limitato, un’infanzia resa problematica però dalla povertà della sua famiglia (la domenica vanno in centro a Firenze a guardare i ricchi che mangiano il gelato) e dal fatto che la madre, che aveva sempre desiderato una bambina, gli vieta di giocare a pallone o ad altri giochi con gli altri bimbi per paura che si sporchi i vestiti. Dice al figlio Folco a proposito della sua famiglia: << C’è una cosa che volevo aggiungere ed è l’origine della mia famiglia, il posto da dove viene. Soprattutto se pensi a tuo figlio, lui il nome Terzani non saprebbe mai da dove gli viene.>> <<I Terzani vengono da un posto che si chiama Malmantile, a qualcosa come 20 o 25 chilometri da Firenze, un posto sull’Appennino, vicino a Pontedera. La cosa buffa è che l’ho scoperto per caso perché di questa cittadina non avevo mai sentito parlare. Sapevo che i Terzani erano stati scalpellini. Ora, scalpellini voleva dire tante cose, ma lì evidentemente voleva dire tagliare la pietra serena per fare i lastricati delle strade e soprattutto dei marciapiedi di tutta Firenze, tagliare le pietre per le case, le soglie e così via. Per questo, quando incontrai per la prima volta i Guicciardini, dall’alto del loro Palazzo guardando Firenze dissi: “Questa 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marika Crippa Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3899 click dal 01/04/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.