Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione tecnico-economica dell'impiego di attuatori lineari per applicazioni di industriali

Gli attuatori lineari sono organi di movimentazione meccanica il cui utilizzo, nelle applicazioni industriali è all'ordine del giorno. Sono componenti comuni che vengono costruiti a catalogo o su misura. Nella progettazione della propria applicazione industriale, è importante ottimizzare la scelta dei componenti. In questa tesi si è inteso fare una ricerca di mercato, cercando i produttori maggiori e verificandone i cataloghi. Una volta setacciato il mercato, si è inteso segmentarlo e confrontare i leaders di mercato. Infine, una volta segmentato il mercato, si è inteso relazionare l'aspetto tecnico con l'aspetto economico, creando degli indici tecnico-economici, che permettano la scelta del cilindro di un costruttore piuttosto che di un altro a seconda delle proprie esigenze tecniche.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Gli attuatori sono gli organi di movimentazione di un sistema meccanico: la loro funzione è quella di determinare lo spostamento di altri componenti, superandone la resistenza che si oppone al moto. Quindi, gli attuatori sono organi che compiono un lavoro meccanico, realizzando la traslazione o la rotazione di un apposito organo. Questo lavoro può essere compiuto a spese di energia chimica (motori a combustione interna), energia elettrica (motori elettrici), energia termica (espansione o deformazione) e di fluido in pressione negli attuatori a fluido. Questi ultimi possono essere divisi in pneumatici in cui il fluido è aria compressa o oleodinamici in cui il fluido è acqua, olio o altro fluido idraulico incomprimibile. Le funzioni compiute dagli attuatori sono molte. Vi sono attuatori che compiono spostamenti, o rotazioni, di ampiezza limitata e che sono adatti a compiere moti alternativi: questi attuatori sono costituiti dai vari tipi di cilindri. Vi sono poi organi in grado di compiere rotazioni continue e si hanno così dei veri e propri motori rotativi. Vi sono, infine, altri attuatori per usi più particolari: attuatori basati su organi deformabili (membrane a soffietti), attuatori oleopneumatici... La tecnica dunque, offre al progettista un’ampia gamma di soluzioni nel momento della scelta dell’attuatore per la propria applicazione anche se si riduce alla categoria degli attuatori a fluido. In tale ambito, il mercato della pneumatica tuttavia è molto più ampio rispetto a quello della oleodinamica. Dall’indagine svolta si è potuto constatare che la produzione di cilindri oleodinamici è spesso effettuata su misura per il cliente. Il mondo dell’attuazione pneumatica, invece, è vasto ed offre spazi per un’analisi più complessa. Oltre alla grande offerta di mercato, nella scelta della tipologia di un cilindro pneumatico, è l’unificazione a venire incontro al progettista. Le normative ISO ormai hanno reso più semplice e affidabile la scelta del

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luigi Beccia Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1091 click dal 01/04/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.