Skip to content

La concorrenza per il mercato: il caso del sistema idrico italiano

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Gaia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Brescia
  Facoltà: Economia
  Corso: Direzione aziendale general management
  Relatore: Carlo Scarpa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

CAPITOLO I - Inquadramento istituzionale
In questo capitolo si discute della normativa esistente nel settore idrico che, a partire dal 1994, ha subito numerose, forse troppe modifiche; innegabile, comunque, che abbia contribuito a combattere l’eccessiva frammentazione della gestione di questo importante servizio pubblico.
Per molti anni ha dominato il modello municipale che prevedeva l'affidamento ai comuni ma, in seguito all'emergere di inefficienze, corruzioni ed una generale sfiducia, alcuni paesi come l'Italia hanno deciso di puntare alla concorrenza per il mercato. Attraverso una gara si sceglie un gestore il quale avrà il monopolio del servizio per un certo numero di anni, in cui dovrà garantire una serie di investimenti, il raggiungimento di determinati obiettivi di servizio e soprattutto adeguate regole tariffarie. L'impossibilità di avere una concorrenza nel mercato, come accade ad esempio nel settore della telefonia mobile, è dovuta alla presenza di vincoli tecnologici (la rete distributiva, le fognature) con costi fissi decisamente elevati che rendono inefficiente, e non razionale, la presenza di più gestori.
All’estero si sottolinea l’esperienza anglosassone in cui si è cercato di promuovere la concorrenza nel mercato, consentendo a nuovi operatori di approvvigionare grandi utenze utilizzando le reti esistenti e dietro pagamento di un canone d'accesso: ma se indaghiamo le utenze civili si incontra nuovamente l’impraticabilità a causa delle economie di scala e di scopo.
Le speranze attuali sono rivolte ad un sistema di leggi futuro in grado di attirare il più possibile gli operatori potenziali, in modo da avere un contesto concorrenziale maggiormente competitivo.
Il secondo paragrafo contiene un’analisi della legislazione relativa ai requisiti previsti per i soggetti che decidano di partecipare ad una gara ad evidenza pubblica.
Infine, nel terzo paragrafo, alcune informazioni riguardanti il Co.Vi.R.I , organo di vigilanza del settore.

1.1 - Normativa esistente
Le attività di gestione dei servizi idrici in Italia sono attualmente disciplinate dagli artt. 141 ss. del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 (Codice Ambientale), successivamente modificato dal decreto datato 8 novembre 2006, n.284.
E’ stata così abrogata la legge 5 gennaio 1994, n.36 (di seguito legge Galli), mantenendo nondimeno una sostanziale continuità di contenuti con la stessa.
Per questo motivo il paragrafo seguente affronterà un’analisi della legge Galli, che rappresenta l’ossatura della normativa esistente.
La legge Galli, e successivamente la legge 448/2001 art. 35 (Finanziaria 2002), hanno segnato un momento decisivo nel processo di riorganizzazione del settore idrico in Italia, caratterizzato da una estesa frammentazione a livello nazionale (le imprese e gli enti che a vario titolo vi operavano erano oltre 8000). Questa frammentazione impediva l’affermarsi di una gestione efficiente di tipo industriale e determinava una disomogeneità degli standard qualitativi del servizio.

I principi ispiratori del testo normativo possono essere così riassunti:

• tutte le acque, superficiali e non, sono pubbliche e costituiscono una risorsa da salvaguardare e utilizzare secondo criteri di solidarietà;
• l'uso delle risorse deve essere razionale, per tutelare i diritti delle generazioni future a fruire di un patrimonio ambientale integro;
• l'uso dell'acqua per il consumo umano è prioritario rispetto a tutti gli altri impieghi del medesimo corpo idrico;
• il bilancio idrico deve essere in equilibrio, garantendo un rapporto sostenibile tra disponibilità delle risorse e fabbisogno delle stesse.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE L'anno internazionale dell'acqua, il 2003, è passato ormai da tempo e non ha lasciato evidenti tracce di miglioramento nell’allocazione globale di questa risorsa scarsa ed insostituibile. Eppure uno studio del demografo Joel Cohen ha sostenuto che l'elemento che limiterà l'aumento della popolazione sarà proprio l’acqua, e ha calcolato in 10 miliardi il numero massimo di abitanti che può sostenere. Anche senza dover accettare alla lettera questi calcoli, la crisi appare alquanto ragionevole e condivisibile, e contrasta con la sostanziale indifferenza o noncuranza che in questi ultimi anni ha caratterizzato tutti i paesi, incluso il nostro. Da sempre il settore dell'acqua, bene indispensabile alla vita, fa decisamente meno notizia rispetto ad altri settori come l'energia elettrica e le telecomunicazioni. Adam Smith si chiedeva quale fosse l'origine del paradosso del valore, ovvero come fosse possibile che pur essendo l'acqua il bene più utile in assoluto, essa non potesse essere scambiata con nessun altro, mentre un diamante, difficilmente classificabile come utile, potesse essere agevolmente scambiato con molti altri. Solo dopo molti anni la scuola di Cambridge, con Marshall, arrivò ad enunciare il legame tra valore e utilità marginale di un bene. Il lavoro che segue cerca di inquadrare al meglio il sistema idrico italiano. Si articola in quattro parti: • la prima è dedicata all’analisi della normativa esistente, dall’anno 1994 sino ad oggi, ed all’organo di vigilanza, il Co.Vi.R.I; • il secondo capitolo affronta importanti tematiche “politiche”: il regime di monopolio a livello generale, il monopolio naturale, il legame esistente tra regolazione e concorrenza (per il mercato e nel mercato), la realtà delle multiutility; • la terza parte ha una connotazione decisamente teorica ed è molto articolata, anche perché la letteratura esistente in materia di aste è davvero abbondante e interessa ancora oggi molti studiosi: si parte dagli studi degli anni ’70, si

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acqua
asta
aste
ato
concorrenza
concorrenza nel mercato
concorrenza per il mercato
idrica
idriche
idrico
klemperer
milgrom
vickrey

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi