Skip to content

Una scuola senza confini: l'italiano insegnato ai bambini stranieri

Informazioni tesi

  Autore: Laura Scaringella
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Maria Rosaria de Fano
Coautore: Scaringella Eugenia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 125

All’interno della scuola italiana si assiste, oggi, ad una sempre maggiore presenza di bambini stranieri. Tutto ciò origina una nuova conformazione della classe che mette sempre più in crisi il modello monoculturale e monolinguistico tipico della scuola italiana. Dinanzi a questa urgenza, bisogna sperimentare un percorso di apprendimento/insegnamento che si discosti sia dalla proposta dell’italiano considerato lingua materna di tutti gli alunni, sia dai percorsi didattici propri di una lingua straniera, ma bisognerebbe ipotizzare un percorso che adotti una modalità di organizzazione flessibile in grado di sostenere il cammino di apprendimento dei bambini e dei ragazzi neoarrivati non italofoni.
In questo contesto, tuttavia, la coesistenza di diverse culture non basta a garantire la nascita di un clima relazionale positivo ed un conseguente sviluppo nel processo di acquisizione, per questo la priorità della scuola diventa quella di saper gestire l’integrazione di questi allievi, tenendo presente il fatto che uno dei primi fattori di integrazione è la lingua, cioè il possedere lo stesso strumento di comunicazione usato nell’ambiente nel quale si vive. Responsabilità, delega, negazione o, viceversa, drammatizzazione del problema, sono alcuni degli atteggiamenti diffusi nei confronti di un evento che richiede competenze professionali nuove e attenzioni pedagogiche e relazionali da affinare, per poter imparare ed insegnare in una classe che è una piccola comunità colorata che raccoglie lingue, storie, radici e volti differenti.
Fin dal momento in cui il bambino straniero arriva nel nostro paese, presenta non solo bisogni primari, ma anche il bisogno di capire e di essere capito, oltre che di riuscire ad orientarsi nei molti luoghi sconosciuti e nei codici linguistici diversi. Egli sperimenta da subito il bisogno di apprendimento, come bisogno primario per riuscire ad ottenere tutto ciò che gli occorre per la sopravvivenza nel nuovo paese. Ogni alunno straniero non italofono, non è una tabula rasa, ma entra in classe con le sue storie, le differenti biografie linguistiche, i saperi e le competenze acquisite in L1. La scuola deve essere capace, prima di tutto, di individuare le varie abilità, le competenze e le conoscenze che i bambini stranieri hanno acquisito in ambiti diversi, di accertare che cosa hanno studiato nei loro Paesi e le competenze in lingua madre e, a partire da questo, programmare una serie di interventi che garantiscano ai minori stranieri l’opportunità di avere le stesse possibilità di successo scolastico che hanno i loro compagni di banco autoctoni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
     3   INTRODUZIONE La presenza in classe di bambini che “vengono da lontano” stimola negli autoctoni curiosità e domande rispetto alla loro storia, agli eventi principali della loro infanzia condotta in un altro luogo, alle emozioni che essi vivono per il fatto di essere in un altro paese e in un’altra scuola; ma, nello stesso tempo, la sempre maggiore presenza degli stranieri nella scuola genera un “problema”, per il quale è necessario trovare soluzioni a breve termine 1 . Il problema dei minori stranieri che giungono in Italia, si presenta denso di conseguenze educative. Il bambino migrante presenta, fin dal momento dell’arrivo, non solo bisogni primari (vitto, alloggio), ma anche il bisogno di comunicare, di capire e di essere capito, di orientarsi nei molti luoghi sconosciuti e nei codici linguistici diversi. Egli sperimenta da subito il bisogno di apprendimento, come bisogno primario e come mediatore fondamentale per riuscire ad ottenere tutto ciò che occorre per la sopravvivenza nel nuovo paese. 1 Cfr. Balboni P., Luise M.C., Interdisciplinarità e continuità nell’Educazione Linguistica, Ed. Armando, Roma, 1994, p. 7.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accoglienza stranieri
apprendimento stranieri
bambini stranieri
didattica
imparare lingua italiana
insegnare italiano
italiano
l2
lingua
lingua italiana
linguistica
programmazione scolastica
scuola per stranieri
stranieri scuola
valutazione insegnamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi