Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo del tatto per l'apprendimento del bambino cieco

Quando si affronta il problema dell’educazione del non vedente, bisogna tenere opportunamente conto della carenza di cui è portatore e dell’impiego dei sensi residui per acquisire le necessarie conoscenze per vivere.
Il tatto, che è oggetto della nostra indagine, ha una funzione di primaria importanza anche se non va disgiunto dagli altri sensi con i quali deve necessariamente interagire.
Il presente lavoro si sofferma sugli aspetti didattici e neurofisiologici, ma con ciò non si considera esaurito l’impiego che il non vedente fa del tatto al di là delle pure esperienze scolastiche.
Il tatto è, infatti, anche mezzo di fruizione estetica e, in proposito, si accenna alla fruizione di un’opera di scultura. Non meno importante è la considerazione sulle attività lavorative che notoriamente il non vedente è chiamato a svolger: massofisioterapia, centralinismo, …
E’, quindi, in funzione del raggiungimento di questi obiettivi che bisogna porsi il problema dell’educazione tattile i cui effetti incideranno profondamente sull’intera vita del privo della vista.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Carmela Palermo Contatta »

Composta da 31 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2647 click dal 03/04/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.