Skip to content

Etnografia del corteggiamento

Informazioni tesi

  Autore: Alfonso Fontana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Etnografia
  Relatore: Amalia Signorelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

In questa relazione, come dal titolo, si parlerà di corteggiamento.
Si cercherà di parlarne in modo diverso da come potrebbe farlo un autore televisivo attento alle mode del momento o un\una giornalista che scriva per riviste pseudo-maschiliste o pseudo-femministe atte al puro intrattenimento.
Si tratta qui di una cosa presa sul serio, e il primo vero difficile lavoro è stato riuscire ad “estrarre” il vero oggetto di studio dalla patina di “frivolezza” in cui il senso comune l’ha sempre tenuto rinchiuso.
Va detto, ai margini di questo discorso, che questa stessa frivolezza, cui si è accennato, sarebbe già di per sé un interessante oggetto di studio.
Per definizione il corteggiamento è uno schema di comportamento attraverso il quale una persona cerca di entrare nelle grazie di un’altra.
Ciò che desta il nostro interesse è il corteggiamento in quanto “pratica sociale”, ovvero, come complesso di atteggiamenti e gesti eseguiti da un attore sociale, come strategia più o meno premeditata, per conquistare l’attenzione di un’altra persona al fine di accoppiarsi con essa.
Compito dell’antropologo che si interessi a questo argomento, sarebbe, in altre parole, provare a cogliere le caratteristiche della “sovrastruttura culturale” che “permea” un bisogno che è del tutto biologico e naturale: vale a dire l’accoppiamento, azione indispensabile per promuovere la riproduzione della specie.
E’ una pratica sociale perchè la si “apprende” attraverso la socializzazione (come modello di comportamento da seguire-interpretare) e la si “attua” all’interno di un contesto sociale.
Ciò lascia presupporre che, se da un lato esso può considerarsi “universale”, nel senso che fa parte della “modalità dell’accoppiarsi” di molte e forse di tutte le civiltà, dall’altro è ipotizzabile che ogni cultura lo abbia declinato a proprio modo, per cui ci possono essere differenti tipi di corteggiamento a seconda del contesto culturale in cui esso viene praticato.
Quindi la funzione di un luogo rispetto al corteggiamento potrà essere propria, impropria, manifesta, latente o anche istituzionale come è ad esempio il caso di alcuni particolari bar.
Da pochi anni, infatti, sono stati aperti alcuni bar in cui l’ingresso è permesso solo ai single “… Uomini e donne sono in egual numero e ognuno riceve un cartello con una sigla.
Le donne sono sedute e a turno gli uomini si spostano da un tavolo all’altro […] al termine del colloquio ognuno scrive su un formulario qualche annotazione e impressione. Nel frattempo gli uomini cambiano di posto e tutto ricomincia da capo con un nuovo partner.”
Non bisogna poi trascurare l’importanza che hanno assunto, da questo punto di vista, i “luoghi virtuali”: internet, chat, siti di incontri etc.. ai quali andrebbero dedicate le stesse considerazione fatte per i “luoghi reali” sottolineandone le analogie e differenze.
Intendo indagare questa pratica che chiamiamo corteggiamento facendo uso del metodo di riflessione antropologica, che tende ad interpretare in maniera relativista il modo di “pensare” il mondo e di “stare” nel mondo da parte degli esseri umani.
La prima questione su cui bisogna riflettere che è anche, in un certo senso, il tronco da cui si dirameranno altre considerazioni, è il carattere “dossico” che assume il corteggiamento, per dirla alla Bourdieu.
Cioè, è una pratica (come mangiare, bere, o passeggiare) inserita in quello che il senso comune considera l’ordine naturale delle cose e, perciò stesso, immutabile e pertanto scarsamente adatto a costituire oggetto di riflessione.
Al contrario, il nostro intento è quello di dimostrare che il corteggiamento, in quanto pratica, non solo è mutabile a seconda dei contesti culturali in cui è presente, ma, anche all’interno di una stessa società, il suo carattere e le sue specificità è possibile che si modifichino in relazione a variabili indipendenti come il tempo storico o la classe sociale.
Per avvalorare queste convinzione mi sono servito del pensiero di alcuni autori che, purtroppo, solo marginalmente si sono interessati di tale argomento ma che, assemblate le loro argomentazioni, mi hanno dato l’opportunità di ipotizzare, non senza riserve, che, almeno all’interno del percorso storico rintracciabile in alcune società, il corteggiamento può essere considerato come il risultato di un processo di civilizzazione, o sarebbe meglio dire, di “eufemistizzazione” di un comportamento che ha avuto il suo “archetipo” nel ratto della sposa.
All’interno di questa prospettiva, il nocciolo della questione sembra essere situato principalmente nel cambiamento, durante il corso della storia, delle relazioni di genere e delle differenze sessuate con tutte le conseguenze socio-psico-economiche che ciò ha comportato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione In questa relazione, come dal titolo, si parlerà di corteggiamento. Si cercherà di parlarne in modo diverso da come potrebbe farlo un autore televisivo attento alle mode del momento o un\una giornalista che scriva per riviste pseudo-maschiliste o pseudo- femministe atte al puro intrattenimento. Si tratta qui di una cosa presa sul serio, e il primo vero difficile lavoro è stato riuscire ad “estrarre” il vero oggetto di studio dalla patina di “frivolezza” in cui il senso comune l’ha sempre tenuto rinchiuso. Va detto, ai margini di questo discorso, che questa stessa frivolezza, cui si è accennato, sarebbe già di per sé un interessante oggetto di studio. Per definizione il corteggiamento è uno schema di comportamento attraverso il quale una persona cerca di entrare nelle grazie di un’altra. Ciò che desta il nostro interesse è il corteggiamento in quanto “pratica sociale”, ovvero, come complesso di atteggiamenti e gesti eseguiti da un attore sociale, come strategia più o meno premeditata, per conquistare l’attenzione di un’altra persona al fine di accoppiarsi con essa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amori contadini
corteggiamento
essere in due
fidanzamento
indiani nambikwara
intersoggetività
matrimonio
missagera
prezzo della sposa
processo di civilizzazione
racconti erotici
ratto della sposa
relazioni di genere
ricchezza della sposa
samoa
seduttore
terzo universo
tikopia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi