Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il caso Abu Omar

La tesi si propone di dare un resoconto di quello che è stato definito "l'intrigo internazionale" più eclatante degli ultimi anni ( dopo quello dell'uccisione del Dr. Calipari in Iraq e del Cermis) , che ha visto impegnati, da una parte la Magistratura Italiana edall'altrai governi Italiano e Americano. Abu Omar, imam della moschea di Via Quaranta a Milano, sparisce nel nulla una mattina del mese di febbraio 2003. La Procura di Milano che lo sta intercettando perchè sospettato di essere un terrorista scopre che Abu Omar è stato rapito dalla CIA in un'operazione di "extraordinary rendition", termine americano per indicare le"consegne speciali" di terroristi ai paesi amici. Il sequestro di Abu Omar è il primo caso di rendition su cui una magistratura opera indagini in Europa. Il tema trattato fornisce lo spunto per accennare alle posizioni assunte al riguardo dagli osservatori internazionali quali Amnesty international,Human Rights Watch, ONU e Consiglio D'Europa sulle detenzione abusive e sulle rendition.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Quello che è stato definito l’“intrigo internazionale” 1 italo- americano più eclatante degli ultimi anni ( assieme a quello del Cermis e dell’uccisione del povero Dott. Nicola Calipari), vede impegnati, da una parte la Magistratura Italiana, che sta giustamente cercando di capire se un cittadino egiziano presente regolarmente sul territorio Italiano sia stato rapito da apparati di intelligence dello stato stelle e strisce ( CIA) con la complicità di quello tricolore ( SISMI), e dall’altra i Governi Italiano e Americano che si sono trincerati nel più stretto riserbo dichiarando congiuntamente di non aver mai autorizzato operazioni del genere. Su questa linea, secondo fonti CIA, citate da numerose testate, il negare ogni addebito, conoscenza, coinvolgimento da ambe le parti costituisce una sorte di prassi in questi casi ( cfr The Washington Post 30/06/2005). Prassi che nessun governo europeo per ora ha disatteso. Forse le stesse parole di Miss Condoleezza Rice sono le più illuminanti su questo punto: “Anything the CIA did on European soil was with the support of the host governments” (Telegraph 6/12/2005) (niente che la CIA abbia fatto sul suolo europeo è stato fatto senza l’assenso dei governi ospiti). 2 1 Olimpio Guido - “ Operazione Hotel California”, Feltrinelli - Milano 2005, p. 26. 2 Ansaloni Lorenzo – “Il fine Giustifica i mezzi - Extraordinary Rendition: Il caso Abu Omar”- parte II- Htpp//: asfalto _ bagnato.blog.tiscali.it – 2006. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandro Coltro Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3483 click dal 04/04/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.