Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi, studi di stabilità e di penetrazione transdermica in vitro di nuovi derivati esterei dei ketorolac

Fans e analgesia

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono un gruppo eterogeneo di composti, spesso chimicamente non correlati, che tuttavia condividono alcune azioni terapeutiche ed effetti collaterali. Il prototipo è l’aspirina; pertanto questi composti vengono considerati spesso come farmaci aspirino simili. Il meccanismo d’azione dei FANS come antinfiammatori, antipiretici e analgesici può essere spiegato grazie alla capacità di inibire irreversibilmente (aspirina) o reversibilmente (tutti gli altri appartenenti a questa categoria) alcuni enzimi responsabili della biosintesi delle prostaglandine (PGH) e di alcuni autacoidi correlati. Il primo enzima coinvolto nella sintesi delle prostaglandine è la “prostaglandina perossido sintasi“ (PGH sintasi), o acido grasso ciclossigenasi (COX), il quale catalizza la trasformazione dell’ acido arachidonico negli intermedi endoperossidi instabili PGG2 e PGH2.
Il Ketorolac è un FANS appartenente alla classe dei derivati dell’acido aril acetico [1]. Nei modelli di infiammazione ha mostrato una maggiore attività analgesica sistemica che antinfiammatoria [2].
La biodisponibilità orale è del 90%, con uno scarso metabolismo di primo passaggio, tuttavia la sua scarsa emivita (4-6 ore) comporta la necessità di ripetute somministrazione giornaliere per mantenere la concentrazione plasmatica all’ interno della finestra terapeutica [3]. Una terapia prolungata con l’uso di Ketorolac può essere causa di ulcere gastrointestinali e di danni renali acuti [4].
Il Ketorolac è uno dei pochi FANS per il quale è registrata la somministrazione parenterale [1].
Il farmaco è in commercio in Italia dal 1991 col nome di Toradol o Lixidol. Il profilo di sicurezza è da diversi anni attentamente valutato a seguito di numerose segnalazioni di reazioni avverse gravi e in alcuni casi fatali, soprattutto a carico dell’apparato gastrointestinale. Nel 2002, a seguito di una rivalutazione del rapporto rischio/beneficio del Ketorolac trometamina, il Ministero della Salute ha deciso di limitare le indicazioni del farmaco al trattamento a breve termine del dolore acuto post-operatorio di grado moderato e severo e al trattamento del dolore da colica renale. Anche il regime di fornitura dei medicinali contenenti Ketorolac trometamina è stato modificato da ricetta ripetibile (RR) a ricetta non ripetibile (RNR).

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Fans e analgesia I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono un gruppo eterogeneo di composti, spesso chimicamente non correlati, che tuttavia condividono alcune azioni terapeutiche ed effetti collaterali. Il prototipo è l’aspirina; pertanto questi composti vengono considerati spesso come farmaci aspirino simili. Il meccanismo d’azione dei FANS come antinfiammatori, antipiretici e analgesici può essere spiegato grazie alla capacità di inibire irreversibilmente (aspirina) o reversibilmente (tutti gli altri appartenenti a questa categoria) alcuni enzimi responsabili della biosintesi delle prostaglandine (PGH) e di alcuni autacoidi correlati. Il primo enzima coinvolto nella sintesi delle prostaglandine è la “prostaglandina perossido sintasi“ (PGH sintasi), o acido grasso ciclossigenasi (COX), il quale catalizza la trasformazione dell’ acido arachidonico negli intermedi endoperossidi instabili PGG 2 e PGH 2

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Farmacia

Autore: Valeria Virdis Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2055 click dal 18/04/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.