Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'orientatore: una professione emergente

Si osserva una sostanziale fase di crescita dell’orientamento in Italia e nella Comunità europea. Infatti da alcuni anni sono in aumento i richiami normativi e i finanziamenti e sempre più si afferma l’idea che i cittadini, di fronte alla complessità e al cambiamento della società, ma anche di fronte alla difficoltà di comprendere la proprie competenze e capacità, debbano chiedere un aiuto per qualificare le proprie scelte e decisioni. Nascono nuove domande orientative, date dalla complessità presente nella scuola, nel mercato del lavoro, nelle imprese, che dipendono dal veloce cambiamento tecnologico e organizzativo e che rendono più difficili le scelte da compiere. Per poter rispondere a queste nuove domande sono necessari professionisti e operatori preparati e competenti, che seguano precisi canoni deontologici e utilizzino metodologie e strumenti scientificamente corretti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L orientamento sta attraversando in Italia e nella Comunit europea una sostanziale fase di crescita. Da alcuni anni, infatti, sono in aumento i richiami normativi e i finanziamenti. Sembra affermarsi l idea che i cittadini, di fronte alla complessit e al cambiamento della societ , ma anche di fronte alla difficolt di comp rendere la proprie competenze e capacit , debbano chiedere un aiuto per qualificare le proprie scelte e decisioni. Nascono nuove domande orientative, date dalla complessit present e nella scuola, nel mercato del lavoro, nelle imprese, che discendono dal veloce cambiamento tecnologico e organizzativo e che rendono piø difficili le scelte da compiere. Si rivolgono ai servizi di orientamento giovani, che devono prendere decisioni strategiche per il loro futuro e intraprendere il percorso scolastico e formativo piø consono; lavoratori e disoccupati, impauriti dalla precariet e flessibilit del mercato del lavoro, anziani, che s i sentono ormai esclusi dalla societ , ognuno con le proprie richieste, difficolt e paure nell effettuare le giuste scelte, e riuscire a valorizzare le proprie potenzialit . Per poter ri spondere a tutte queste nuove domande sono necessari professionisti e operatori preparati e competenti. Dall osservazione della crescente domanda e necessit di orientamento, nasce questo studio, che tratta il tema della professionalizzazione degli operatori dell orientamento. L orientamento deve essere ricondotto ad un interv ento specifico, sviluppato da professionisti qualificati, che obbediscano a precisi canoni deontologici e che adottano criteri, metodologie e strumenti scientificamente corretti (Sangiorgi, 20005) (ivi, 13). L avvio del processo di professionalizzazione consiste in una fase di autodeterminazione, da parte del gruppo sociale emergente, dei compiti, competenze e conoscenze necessarie per svolgere la professione. Indubbiamente i processi di sviluppo che caratterizzano le nuove professioni sono differenti da quelli che h anno determinato l affermazione delle professioni liberali. Le condizioni dei mercati del lavoro, caratterizzati da flessibilit e mobilit , comportano il cambiamento della natura de l lavoro, innovando le professioni e caricandole di nuovi significati. Nuove abilit e c onoscenze specifiche compaiono con le nuove professioni, atte a soddisfare esigenze e bisogni emergenti della societ . Si osserva il tentativo dei nuovi gruppi emergenti di imitare i comportamenti liberali, particolarmente per i processi di chiusura sociale e occupazionale. Ci non pu tuttavia aver luogo, poichØ una differenza sostanziale Ł che i percorsi di strutturazione delle professioni liberali furono

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Paola Rossetto Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2506 click dal 15/04/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.