Skip to content

Percorso attraverso la complessità dei disturbi del comportamento alimentare e risposta in un modello d'intervento innovativo: la comunità d'accoglienza

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Zoppè
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Cesare Cornoldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Nella mia esperienza di tirocinio presso la Comunità d’accoglienza per la cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare, struttura organizzata e gestita dalla Cooperativa “Alimente” O.n.l.u.s. di Cividale del Friuli, ho avuto modo di constatare in che misura i Disturbi del Comportamento Alimentare abbiano effetti invalidanti e pervasivi sulla vita delle persone che ne sono affette.
I soggetti coinvolti da questo problema vedono compromesse le loro condizioni fisiche, le loro risorse ed abilità comportamentali, cognitive, di relazione, sociali, e la loro capacità di sperimentare e di esprimere le emozioni. Un Disturbo del Comportamento Alimentare grave riduce altresì drasticamente la qualità di vita di una persona, restringendo la sua sfera di interessi al cibo, al peso ed ai rituali ad essi collegati.
Pensare al percorso di cura focalizzandosi sul sintomo strettamente alimentare può essere una pratica estremamente fuorviante: può nascondere il quadro più ampio legato alla struttura di personalità, orientando il protocollo di intervento in modo superficiale verso obiettivi non significativi, rischiando di non tener presente il contesto famigliare, sociale, relazionale che lo ha generato. Tutto ciò significherebbe dedicare poca attenzione alla persona che porta il sintomo, quando spesso è proprio la mancanza di attenzione da parte del contesto che è significativo per lei e che l’ha spinta a generarlo.
È per questo che il lavoro dell’équipe della Cooperativa “Alimente” O.n.l.u.s. mira ad eliminare o ridurre gli effetti del Disturbo Alimentare attraverso un intervento di ampio respiro, multifattoriale e multidisciplinare. L’intervento integrato si articola su più livelli e si pone obiettivi di diverso grado di complessità: la sostituzione di schemi di comportamento, di pensiero e di relazione disfunzionali con altri funzionali, la modifica in senso adattivo di aspetti specifici del Sé quali ad esempio i meccanismi che
definiscono i livelli di autostima o la capacità di condurre una autovalutazione realistica delle proprie capacità o bisogni, la modificazione della struttura di personalità nella sua globalità.
L’analisi degli aspetti legati all’evoluzione, alla prognosi e alle complicazioni mediche a cui, a lungo termine, possono condurre queste patologie, mette in evidenza come molti pazienti che soffrono di un DCA passano, nel corso della loro esistenza, da una categoria diagnostica all’altra, così da rivelare un’unica malattia che, a seconda delle situazioni, si manifesta con sintomi diversi.
Per tali ragioni, la considerazione relativa non solo alle caratteristiche descrittive del disturbo ma anche a quelle inerenti allo spettro di funzionamento di questi individui, può consentirci di comprendere maggiormente gli aspetti psicologici implicati nella genesi di questi disturbi.
Una diagnosi che parte dai sintomi, ci segnala – chiaramente – che “qualcosa non va”; i sintomi tuttavia, di per sé, non ci danno alcuna indicazione sul perché quel qualcosa che non va sia stato espresso, né ci dicono perché esso sia stato espresso in questo modo.
Pertanto alla diagnosi “nosografico - descrittiva” è utile affiancare quella “interpretativo - esplicativa” in quanto, i diversi orientamenti teorici forniscono interessanti contributi che spiegano la psicologia di questi soggetti facendo comprendere il problema che si rivela in tutta la sua complessità.
La Comunità d’accoglienza è nata per dare risposta alla complessità di cui il DCA è espressione. In questo contesto vanno collocati gli interventi su aspetti specifici come le distorsioni dell’immagine corporea e le dispercezioni, e l’obiettivo della cura delle patologie nutrizionali complesse, cronicizzate e resistenti al trattamento.
La valutazione dello stato di malattia del paziente, che si presenta in Comunità, avviene all’interno di un’équipe. Ogni specialista mette in risalto la specificità del caso, per quanto concerne il suo campo d’azione, per definire un progetto riabilitativo personalizzato e condiviso.

Mi è quindi sembrato opportuno presentare questo nuovo modello di cura “…che vuol essere soprattutto una casa dove si cresce attraverso tentativi ed errori, confronto relazionale, rispecchiamenti ed assunzione di responsabilità, cercando infine di recuperare un rapporto normale con il cibo e di ricostruire l’integrità psico-fisica smarrita” .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Nella mia esperienza di tirocinio presso la Comunità d’accoglienza per la cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare, struttura organizzata e gestita dalla Cooperativa “Alimente” O.n.l.u.s. di Cividale del Friuli, ho avuto modo di constatare in che misura i Disturbi del Comportamento Alimentare1 abbiano effetti invalidanti e pervasivi sulla vita delle persone che ne sono affette. I soggetti coinvolti da questo problema vedono compromesse le loro condizioni fisiche, le loro risorse ed abilità comportamentali, cognitive, di relazione, sociali, e la loro capacità di sperimentare e di esprimere le emozioni. Un Disturbo del Comportamento Alimentare grave riduce altresì drasticamente la qualità di vita di una persona, restringendo la sua sfera di interessi al cibo, al peso ed ai rituali ad essi collegati. Pensare al percorso di cura focalizzandosi sul sintomo strettamente alimentare può essere una pratica estremamente fuorviante: può nascondere il quadro più ampio legato alla struttura di personalità, orientando il protocollo di intervento in modo superficiale verso obiettivi non significativi, rischiando di non tener presente il contesto famigliare, sociale, relazionale che lo ha generato. Tutto ciò significherebbe dedicare poca attenzione alla persona che porta il sintomo, quando spesso è proprio la mancanza di attenzione da parte del contesto che è significativo per lei e che l’ha spinta a generarlo. È per questo che il lavoro dell’équipe della Cooperativa “Alimente” O.n.l.u.s. mira ad eliminare o ridurre gli effetti del Disturbo Alimentare attraverso un intervento di ampio respiro, multifattoriale e multidisciplinare. L’intervento integrato si articola su più livelli e si pone obiettivi di diverso grado di complessità: la sostituzione di schemi di comportamento, di pensiero e di relazione disfunzionali con altri funzionali, la modifica in senso adattivo di aspetti specifici del Sé quali ad esempio i meccanismi che 1 Di seguito indicato anche con la sigla DCA.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anoressia
bulimia
comorbilità an e docp
comorbilità bn e dbp
comorbilità dca e dp
comorbilità dei disturbi alimentari
comunità d'accoglienza per dca
disturbi del comportamento alimentare
teoria cognitivo-comportamentale dei dca
teoria psicodinamica dei dca
teoria psicofisiologica dei dca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi