Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il risk management nelle aziende sanitarie: prescrizioni di sicurezza per un sito di risonanza magnetica

Il presente lavoro dal titolo “Il Risk Management nelle aziende sanitarie: Prescrizioni di sicurezza in un sito di Risonanza Magnetica”, ha per oggetto il rischio nelle aziende sanitarie e la sua gestione, considerando in particolare le problematiche che risiedono in un sito predisposto per l’utilizzo di apparecchi a risonanza magnetica per diagnostica medica.
Il tema del Risk Management in sanità sta conquistando uno spazio sempre maggiore sia nella pratica di chi ha responsabilità di gestione, sia nelle riflessioni degli studiosi. La struttura ospedaliera, infatti, è un particolare ambiente di lavoro nel quale il personale sanitario e tecnico-amministrativo svolge la propria attività nell’affannosa preoccupazione di soccorrere sollecitamente e professionalmente il malato, utilizzando strutture, impianti, sostanze chimiche, supporti tecnologici e procedure diagnostiche e terapeutiche potenzialmente rischiose per l’operatore ed il paziente. Pertanto, parlare di “qualità delle cure” oggi significa parlare non solo di efficienza ed efficacia delle prestazioni, ma anche e soprattutto di sicurezza del servizio offerto e di tutti gli operatori.
La recente introduzione in ambito ospedaliero di tecnologie ad alta sofisticazione (RMN, TC, etc.), mira a migliorare l’assistenza e, quindi, la qualità delle prestazioni erogate all’utente/paziente della struttura sanitaria, sia essa pubblica o privata.
Il crescente sviluppo tecnologico degli ultimi decenni ha, infatti, portato alla creazione di sistemi e dispositivi di diagnosi e terapia di comprovata efficacia, di sempre più ridotta invasività e di maggiore accettazione da parte del paziente. tuttavia a questo importante traguardo tecnologico-assistenziale si sono accompagnate una serie di problematiche nuove in termini di gestione ed utilizzo delle apparecchiature, in particolare per quanto concerne la sicurezza e la gestione del rischio.

Mostra/Nascondi contenuto.
__________________________________________________________________Prefazione 6 Prefazione Il presente lavoro dal titolo “Il Risk Management nelle aziende sanitarie: Prescrizioni di sicurezza in un sito di Risonanza Magnetica”, ha per oggetto il rischio nelle aziende sanitarie e la sua gestione, considerando in particolare le problematiche che risiedono in un sito predisposto per l’utilizzo di apparecchi a risonanza magnetica per diagnostica medica. Il tema del Risk Management in sanità sta conquistando uno spazio sempre maggiore sia nella pratica di chi ha responsabilità di gestione, sia nelle riflessioni degli studiosi. La struttura ospedaliera, infatti, è un particolare ambiente di lavoro nel quale il personale sanitario e tecnico-amministrativo svolge la propria attività nell’affannosa preoccupazione di soccorrere sollecitamente e professionalmente il malato, utilizzando strutture, impianti, sostanze chimiche, supporti tecnologici e procedure diagnostiche e terapeutiche potenzialmente rischiose per l’operatore ed il paziente. Pertanto, parlare di “qualità delle cure” oggi significa parlare non solo di efficienza ed efficacia delle prestazioni, ma anche e soprattutto di sicurezza del servizio offerto e di tutti gli operatori. La recente introduzione in ambito ospedaliero di tecnologie ad alta sofisticazione (RMN, TC, etc.), mira a migliorare l’assistenza e, quindi, la qualità delle prestazioni erogate all’utente/paziente della struttura sanitaria, sia essa pubblica o privata. Il crescente sviluppo tecnologico degli ultimi decenni ha, infatti, portato alla creazione di sistemi e dispositivi di diagnosi e terapia di comprovata efficacia, di sempre più ridotta

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Silvestrini Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5071 click dal 11/04/2008.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.