Skip to content

Annibale: Canne e Zama

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Mariani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Simonetta Segenni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

“Era Amilcare giovane che veniva loro restituito, pensavano i vecchi soldati; scorgevano in lui la stessa energia nell’espressione e la stessa fierezza negli occhi, lo stesso aspetto, gli stessi tratti. Poi Annibale fece rapidamente in modo che ciò che aveva preso da suo padre diventasse la causa importante del suo favore presso i soldati. Mai uno stesso carattere fu più portato ai comportamenti più opposti, l’obbedienza e il comando. Così, sarebbe stato difficile decidere se egli fosse più caro al generale o all’esercito: non c’era ufficiale che Asdrubale preferisse per un’azione coraggiosa ed energica, né capo con cui i soldati avessero più fiducia o ardimento. Nessuno aveva più audacia nell’affrontare i pericoli, né più sangue freddo in mezzo ai pericoli stessi. Nessun disagio poteva affaticare il suo corpo, né vincere il suo coraggio; aveva un’ eguale resistenza al caldo e al freddo; per il mangiare e il bere, si regolava sui propri bisogni, non sul piacere; per vegliare e dormire non faceva differenza tra il giorno e la notte; il tempo che gli lasciavano i suoi compiti lo dedicava al riposo, che non andava a cercare su un giaciglio morbido o in luogo silenzioso: molti lo videro spesso, coperto dal mantello militare, coricato a terra in mezzo alle sentinelle e i posti di guardia dei soldati. Il suo modo di vestire non si distingueva in nulla da quello dei giovani della sua età: erano le sue armi e i suoi cavalli ad attirare lo sguardo. Era di gran lunga il migliore sia dei fanti che dei cavalieri; andava in battaglia per primo e si ritirava per ultimo. Enormi vizi pareggiavano virtù tanto grandi: una crudeltà inumana, una perfidia più che punica, nessun desiderio di verità, nessun senso del sacro, nessun timore degli dei, nessun rispetto del giuramento, nessuno scrupolo religioso ”.

A chi fanno riferimento queste parole?
La descrizione che qui viene data da Livio si riferisce ad uno dei più grandi comandanti dell’antichità, Annibale Barca, colui il quale, nonostante la sconfitta subita dai Cartaginesi nella prima guerra punica, osò sfidare nuovamente Roma.
Colui il quale, figlio del grande Amilcare, giurò sull’altare di Baal - Ammone, prima di partire per la Spagna, che sarebbe stato il più implacabile nemico dei Romani.
Colui il quale, nella sua campagna italica, uccise così tanti Romani da riuscire ad entrare nella leggenda.
L’obiettivo di questo elaborato è approfondire la conoscenza relativa al percorso storico di questo personaggio, un personaggio che, sin dall’inizio del suo viaggio ha fatto parlare molto di sé a partire dalle età più vicine a lui per giungere fino al presente.
In particolare la prima parte si concentra sullo svolgimento della seconda guerra punica mentre la parte successiva dedica una grande attenzione agli aspetti militari della stessa facendo riferimento con dovizia di particolari alle due battaglie forse più importanti di tutta la campagna. L’una, Canne, segna l’apice della fama di Annibale ed è da considerarsi la più grande vittoria del comandante punico in Italia. Essa rappresenta, inoltre, la più cocente sconfitta cui per molto tempo, forse per sempre, furono sottoposti i Romani. L’altra, Zama, segna la definitiva risurrezione di Roma e l’inizio di una nuova fase della sua politica estera. Essa rappresenta, inoltre, il tramonto della fama di Annibale come comandante militare e questo, anche se, per numerosi altri anni, egli presterà il proprio servizio sia presso i Punici sia presso le corti dei sovrani orientali mantenendo sempre fermo il suo giuramento di non essere mai amico dei Romani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alpi
alps
annibale
cannae
canne
hannibal
scipione africano
zama

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi