Skip to content

La nuova serialità televisiva americana: il caso Six Feet Under

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Beccalossi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'arte della musica e dello spettacolo
  Relatore: Pietro Favari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

Le regole della serialità televisiva sono state, soprattutto nell’ultimo decennio, capovolte e i vari generi, che non appartengono solo al mondo televisivo ma anche a quello filmico, si confondono per dare vita a delle ibridazioni.
Ne fuoriesce così una mescolanza tra le due principali tipologie di fiction, ovvero la serie tv e il serial.
Esiste un nuovo tipo di fruizione televisiva da parte dello spettatore che pare preferire i canali a palinsesto specializzato anziché quelli a palinsesto generalista. Si nota quindi come anche gli spettatori stiano evolvendo le loro preferenze televisive a favore di una tv di qualità che serva a portare più cultura nella società.
Analizzando gli opening credits, ovvero la sigla, si può capire come essi ci aiutino ad identificare il prodotto che stiamo per visionare e come troppo spesso essi vengano purtroppo svalutati dal pubblico durante la fruizione. Utile in questo caso è l'analisi della sigla di Six Feet Under per riuscire a comprendere l’importanza che essa ha all’interno della serie stessa in quanto summa perfetta dello spirito e della tematica principale del prodotto.
Giungendo poi all’analisi della morte all’interno di Six Feet Under, si può evidenziare come questa serie ci faccia capire che non bisogna vivere con la paura della morte, perché essa fa parte della vita, ed è protagonista di ogni puntata attraverso i cadaveri che vengono mostrati all’inizio di ogni episodio e preparati doviziosamente per “l’ultimo viaggio”.
Da notare come il creatore della serie, Alan Ball, abbia deciso di raccontare la vera realtà americana attraverso la messa in scena di temi che vengono troppe volte elisi dal popolo statunitense.
Si parte dalla morte per raccontare la vita e la società, cercando capire quali siano i meccanismi che la sostengono e le permettono di andare avanti.
Six Feet Under è una caricatura, un cartoon, nel miglior senso artistico, della vita e della morte e di un’impresa commerciale.
Alan Ball porta i morti sullo schermo, al centro della vista e della mente degli spettatori, con tutte le loro ferite e cicatrici che devono essere trattate prima di venire definitivamente eliminate.
Ciò che il creatore della serie riesce perfettamente a comunicarci è il fatto che i funerali riguardano la vita e la morte. In questo show essi si confrontano costantemente l’un l’altro e occupano gli stessi spazi: la casa dei Fisher è anche il luogo dove le salme vengono preparate ed esposte. Essi quindi vivono guardando la morte in faccia, non perché cerchino risposte, ma perché hanno bisogno di fermarsi ed esaminare, guardare e chiedere, ascoltare e ricordare.
A volte Nate e David sentono il loro defunto padre parlargli poiché l’aria è piena di fantasmi, che ci istruiscono e ci disturbano. Come la vita anche la morte è ovunque.
Six Feet Under quindi non come una serie sulla morte, ma come un inno alla vita, che viene raccontata attraverso la sua negazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Esiste un solo pensiero che occupa la mente più della nostra vita: la morte. Si lavora perché si muore, si vive perché si muore. La morte è la fine della vita o forse l’inizio di una nuova esistenza. Certo è che noi poveri mortali mai potremo sapere quale sia il ruolo di questa “figura” misteriosa che giunge all’improvviso e che sicuramente ci cambia la vita. Le filosofie, le religioni, le discipline politiche e quelle giuridiche hanno tra i loro fondamenti proprio la fine dell’uomo. Si sono costruite intere metafisiche basate sul nostro essere per la morte e dopo la morte. Viviamo in una società ossessionata dalla morte, o per meglio dire dal tabù della morte, che per sopravvivere è giunta al folle progetto di instaurare uno stato di conflitto permanente, ossia ha pianificato il dare morte con armi di sterminio e guerre preventive a fin di bene. Cerchiamo disperatamente di comprendere l’atto finale della nostra vita, proviamo a elaborare il lutto o a esorcizzarlo, ma alla fine tutto questo si rivela profondamente illusorio perché della morte non arriveremo mai a farne una concreta esperienza, se non in modo indiretto. Poco prima vedremo forse una luce o forse l’intero percorso della nostra esistenza e forse ci alleggeriremo dei fatidici 21 grammi di cui parlava un grande regista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

american beauty
gotico
hbo
morte
opening credits
serialità
sigla
six feet under
televisione
tv di qualità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi