Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi teorica dei problemi di arbitrato

Studio sulla teoria dell'arbitrato, i vari tipi di arbitrato con caso pratico e breve riassunto del libro "Win- Win Solution".

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La scelta dell’arbitrato, come forma di giustizia alternativa, non è una scelta casuale e nemmeno obbligatoria nell’ordinamento italiano. Esistono dei precisi motivi ed esigenze per i quali sempre di più ci si rivolge agli arbitri per risolvere una questione evitando, in questo modo, di intraprendere una causa civile. I motivi possono essere ricercati ad esempio nella maggiore e più profonda specializzazione in determinate materie, nelle quali i giudici non hanno sufficienti competenze per poter esprimere un giudizio che sia dettagliatamente coerente con la controversia in questione; specializzazione che invece è possibile trovare nell’ambito dei privati quali arbitri. Un motivo d’altrettanta importanza è la rapidità con la quale il procedimento dell’arbitrato e, la successiva omologazione del lodo possono essere svolti e venire ad avere in tal modo efficacia tra le parti. Conseguenza e motivo di tale rapidità, infatti, è soprattutto la grande riduzione del formalismo e dei tempi che, nella giustizia ordinaria, provocano, almeno in Italia, un abnorme rallentamento nello svolgimento dei fin troppo numerosi processi, e che ormai hanno invaso tutti i tribunali. Il ritardo della giustizia è un ritardo che provoca gravi danni sia alle grandi aziende che ai singoli lavoratori; danni che vengono a manifestarsi sia sotto il profilo monetario che economico. Sotto tale aspetto, infatti, l’arbitrato ha il grande vantaggio di avere dei costi ridotti e predefiniti, conoscibili, quindi, dalle parti sin dall’inizio della procedura. Bisogna ricordare, anche, che il ricorso alla giustizia privata, nel nostro caso all’arbitrato, è una scelta di tipo volontaria, di tipo alternativo, non imposta dalla legge, ma che da essa comunque è disciplinato nel suo svolgimento. Nel lavoro di seguito svolto, inizialmente ho richiamato la dottrina riguardante l’arbitrato in generale ed il procedimento attraverso il quale esso si articola, sottolineando, in particolar modo, l’importanza dell’arbitrato rituale in quanto, attualmente, il più utilizzato nell’ordinamento privatistico italiano per avere una risoluzione della controversia che abbia efficacia vincolante tra le parti e che venga riconosciuta al pari di una sentenza civile.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Cesare Romanin Contatta »

Composta da 40 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1022 click dal 18/04/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.