Skip to content

Imprese di successo nel Made in Italy a Messina

Informazioni tesi

  Autore: Dario Tarsia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Indirizzo Politico-Economico
  Relatore: Michele Limosani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 236

Il tessile-abbigliamento rappresenta uno dei settori di punta delle esportazioni Made in Italy. Secondo gli ultimi dati Istat, infatti, il suo contributo a livello nazionale si quantifica nel 15% del totale dell’occupazione manifatturiera, nel 10% del valore aggiunto e nel 13% delle vendite di prodotti all’estero.
Durante il quinquennio 2001-2005 il settore ha vissuto una profonda crisi, registrando non solo una forte riduzione della produzione nazionale ma anche una significata perdita di fatturato (-23%) e di esportazioni (-17%), legata sia a elementi di carattere congiunturale sia a problemi strutturali dell’economia italiana: il Bel Paese è in stagnazione sin dal 2001 e nel 2005 ha crescita zero.
La forte rivalutazione del tasso di cambio dell’euro rispetto al dollaro ha causati molti problemi di concorrenza per parecchie imprese del Made in Italy che, sino all’introduzione dell’euro, riuscivano a conservare buoni livelli di competitività/prezzo grazie a politiche di svalutazione del tasso di cambio.
La rapidissima crescita del petrolio ha innescato un significato trasferimento di capitali, ridistribuendo il potenziale di crescita economica dai paesi industrializzati importatori netti di petrolio, come l’Italia, ai paesi produttori di greggio.
La liberalizzazione del mercato mondiale del tessile-abbigliamento, con l’abolizione del Patto Multifibre, ha evidenziato l’anomala specializzazione italiana. La Cina tende ad essere fortemente specializzata negli stessi settori che caratterizzano il Made in Italy, accrescendo fortemente le sue esportazioni grazie alla concorrenza incontrastata sul terreno del prezzo.
Nell’ultimo biennio si registra una solida crescita: secondo Smi-Ati, il fatturato dell’industria tessile moda nel 2006 è stato di 52,8 miliardi di euro, in crescita dell’1,9% rispetto l’anno precedente e con un export che segna il +3,7%.
Il successo sta nel valorizzare i vantaggi non-price dei prodotti, spostando la competitività nei segmenti di mercato ad alto valore aggiunto, come l’Alta Qualità e i beni di lusso, e realizzando forti integrazioni lungo l’intera filiera produttiva.
Nel 2005 in Sicilia il settore ha registrato un calo del 9,5% dell’attività di produzione, a fronte di una flessione del 9% degli ordinativi sull’interno e di una stabilità sull’estero. Il fatturato ha segnato una diminuzione complessiva del 9%, mentre la quota di fatturato esportato risulta pari al 20% del totale.
Esistono, però, delle realtà imprenditoriali dove, grazie alla capacità e alla tenacia dei titolari e ad interventi mirati, non solo la crisi è stata evitata, ma la quota di mercato nazionale e internazionale si è consolidata ed è addirittura aumentata.
È il caso della San Lorenzo Confezioni, a San Marco d’Alunzio (ME), dove Filippo Miracula ha creato un’azienda che opera nel business to business, in grado di produrre capi d’Alta Qualità per griffes nazionali ed estere (Agnona, Allegri, Armani, Burberry’s, Ferré, Ermenegildo Zegna, Canali, Gucci, Valentino, Dior, Louis Vuitton, e tanti altri ancora), con 120 dipendenti e un fatturato di circa 4.000.000 di euro.
È il caso della Camiceria Castello, a Brolo (ME), dove l’intuizione di Giovanni Pizzino ha dato vita a un marchio di qualità e altamente competitivo, con 90 punti vendita a gestione diretta presenti in Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Svizzera, con un organico di 300 dipendenti e un fatturato di circa 15.000.000 di euro. Il tutto all’insegna del Made in Sicily.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9INTRODUZIONE Negli ultimi dieci anni si sono verificati almeno cinque eventi di portata storica che hanno fatto da sfondo alle dinamiche congiunturali mondiali: 1. l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 al “World Trade Center”; 2. la rapidissima crescita del petrolio - alimentata per buona parte dalle tensioni geopolitiche che tuttora persistono nell’area mediorientale - che ha innescato un significativo trasferimento di capitali e, conseguentemente, di potenziale crescita economica dai paesi industrializzati importatori netti di petrolio, come l’Italia, verso i paesi produttori di greggio; 3. un “riaggiustamento” degli andamenti della crescita economica tra gli Stati Uniti e i giganti asiatici, con in testa Cina e India; 4. il continuo apprezzamento dell’euro sul dollaro, che ha spesso raggiunto i massimi storici e ha determinato un aumento delle tensioni sulla competitività-prezzo delle esportazioni europee sul mercato statunitense, una delle principali piazze estere; 5. l’effetto-Tsunami che, oltre ad aver provocato un disastro di proporzioni apocalittiche, ha ridimensionato la crescita economica delle cosiddette “Tigri Asiatiche” colpite dalla tragedia, generando una catena causa- effetto che ha avuto ricadute su tutti i mercati mondiali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abbigliamento
alta qualità
beni di lusso
brand
camiceria castello
castello
cina
competitività italiana
confezioni
distretti
distretti industriali
double-face
imprese
internazionalizzazione
made in italy
marchio
marketing
messina
san lorenzo
san marco d'alunzio
sicilia
successo
tessile
tessile-abbigliamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi