Skip to content

L'industria italiana oggi: caratteristiche salienti e cambiamenti strutturali

Informazioni tesi

  Autore: Michele Montanucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Marco Malgarini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

The Italian productive system, after a long and abnormal crisis lasting about six years, was able to register a growth in 2006 in step with the main international partners.
By observing the years characterized by a path of “zero growth” , we clearly note as the economic cycle of our country has been marked by an irregular course, both in intensity as in duration. Periods of strong reduction of economic activity and temporary productivity boost (commonly known as “false starts”) have alternated during this extended period of stagnation; such strong fluctuations have contributed to bring our country into a period of extended stagnation of the economic activity, which reached a trough in February 2005.
Following to this date, and particularly in 2006, Italy seems to have achieved a remarkable growth increase, spurred by the strengthening of the world cycle and by the strong restructuring process carried out by Italian enterprises since the beginning of the new decade.
The sectors which best reacted to the restructuring are those of the manufacturing industry: they were in fact able to renovate their own productive system, allowing them to face the challenge posed by the new developing economies.
The response of enterprises to the substantial change within the international market, presented by the arrival of new emerging economies (such as China and India) and the resulting increase in the level of globalization, was therefore fundamental for the future of the Italian economy. These new competitors, counting on significant non-specialized and low-cost human resources, have flooded the international markets with their goods, causing a displacement of Italian products. Without a strong restructuring of enterprises, Italian companies would have risked definitive exclusion from the market on account of the poor competitivity of their products.
This project takes place into a more comprehensive restructuring process which has affected the whole industrial system and which, as underlined by the intervention of Dott. De Nardis and Dott. Bugamelli, is still under way.
What is certain is that the project should lead towards a reduction of industry weight in total value added and towards the re-allocation of resources in the service sector. The service sector represents indeed the main growth engine in modern advanced economies. Unfortunately though, in this area, the restructuring programme was not able to reach the expected results: the tertiary sector is still characterized by a scarce dynamism, thus still not guaranteeing better growth prospects for the country.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Testo aggiornato a: 10.04.2006 1. Introduzione L’ultimo decennio dello scorso secolo è stato caratterizzato da un periodo di forte espansione economica a livello mondiale, espansione che è proseguita a ritmi sostenuti anche nei primi anni del nuovo millennio. Dopo una fase in cui l’Italia non è stata in grado di agganciare la ripresa mondiale, a partire dal 2006 anche l’economia italiana ha ripreso a crescere a ritmi più sostenuti, in linea con quelli sperimentati nella seconda parte degli anni ’90, anche se ancora inferiori a quelli medi dell’area europea. Andando più nel dettaglio a confrontare i valori relativi all’andamento del ciclo economico italiano con quelli degli altri paesi industrializzati, si nota infatti immediatamente un dato allarmante: l’economia italiana, già nella seconda metà degli anni ’90, iniziava a crescere ad un ritmo decisamente inferiore rispetto ai principali partner industriali. In questo periodo iniziavano quindi a manifestarsi le prime vere problematiche, soprattutto di tipo strutturale, relative al nostro sistema industriale. L’Italia così, dopo aver toccato tra il 1999 e la prima metà del 2000 il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi