Skip to content

Il principio di autodeterminazione dei popoli nel diritto internazionale contemporaneo: stato della prassi e tendenze evolutive

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Galieti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Maria Clelia Ciciriello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

Il concetto di ‘autodeterminazione’ può presentare una serie di significati anche distanti tra loro, ma l’accezione che interessa per il presente lavoro è quella che va a prendere in considerazione il rapporto tra gli Stati ed i propri cittadini in merito al diritto di questi ultimi di disporre di se stessi e alla luce delle norme del diritto internazionale.
Le comunità di persone all’interno di uno Stato aspirano, infatti, a vedere garantiti i diritti ad esprimersi, a relazionarsi, a vivere secondo le proprie convinzioni, i propri usi e costumi.
A tal proposito và però ricordato che gli Stati e non i popoli sono i soli destinatari formali delle norme in materia, mentre questi ultimi possono esserne al più i beneficiari, e che una distinzione va fatta tra i concetti di popolo, minoranza, popolazione indigena o gruppo insurrezionale.
Per far questo è necessario servirsi degli strumenti che il diritto internazionale stesso adopera e su cui si fonda e l’attenzione è rivolta in primis alla Carta delle Nazioni Unite, nonché alle c.d. Dichiarazioni di principi dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Tra queste ricordo la Dichiarazione sull'indipendenza dei popoli coloniali , tutta una serie di Risoluzioni, come quella del 14 dicembre 1962 sulla sovranità permanente sulle risorse naturali (1803-XVII), i Patti internazionali sui diritti umani ed inoltre la Dichiarazione sulle relazioni amichevoli.
Fondamentale sarà anche andare ad analizzare l’apporto della giurisprudenza, e quindi le statuizioni e le sentenze della Corte Internazionale di Giustizia, nonché l’operato delle Corti internazionali e di quelle interne agli Stati come ad esempio, per menzionarne una, la Corte Suprema del Canada.
Nel fare ciò si noterà che esiste un vivo dibattito riguardo al contenuto più o meno ampio da dare al principio dell’autodeterminazione dei popoli e alla definizione della sua natura, ovvero se si tratti di un principio solo politico o anche giuridico. L’autodeterminazione ha infatti, secondo la maggioranza della dottrina, la natura di principio oggetto di obblighi interstatali, sia pattizi che di diritto internazionale consuetudinario e generale . A conferma di ciò possiamo ricordare Autori come Cassese, Ciciriello, Leanza, Tomuschat e molti altri, anche se non mancano coloro i quali sostengono una posizione di più basso profilo .
Ma ‘autodeterminarsi’, come ho accennato sopra, può voler dire anche qualcos’altro.
L’autodeterminazione può essere infatti riferita all’individuo come singolo, e quindi alla possibilità concessagli di esprimere la propria personalità senza restrizioni ed in tutti gli ambiti: quello politico, quello sociale, quello religioso, quello sessuale ma anche quello medico.
Detto questo, va chiarito che il percorso che andrò a seguire per sviluppare questo lavoro partirà da un’analisi storica dell’istituto, dalle proclamazioni più remote fino ai giorni nostri, con cui si potranno analizzare le modalità in cui questo concetto si è modellato a seconda delle situazioni contingenti.
In seguito proporrò un’accurata definizione del principio di autodeterminazione dei popoli alla luce delle successive espressioni giurisprudenziali, nazionali ed internazionali, mentre poi passerò dal definire l’ipotesi “classica”, cioè quella di autodeterminazione esterna, a quella di autodeterminazione interna.
In particolare l’attenzione si soffermerà sulle espressioni più recenti dell’autodeterminazione, dal secondo dopoguerra ad oggi.
L’ultimo passo sarà quello di proporre una personale e conclusiva analisi critica del principio di autodeterminazione dei popoli, in base ai rilievi che saranno emersi nel corso del lavoro.
L’importanza ed insieme la criticità del principio di autodeterminazione dei popoli possono essere testimoniate da una semplice constatazione: nel periodo che va dal 1956 al 2002 ci sono stati ben settantasei casi di Stati coinvolti in conflitti legati ai principi di autodeterminazione. Solo dodici di questi si sono risolti con degli accordi pacifici mentre altri dodici sono stati definiti a seguito di conflitti armati. Dei restanti, molti sono tuttora aperti (ventidue), mentre gli altri casi (ventinove) sono stati in qualche modo contenuti, spesso attraverso l’operato di missioni internazionali di peacekeeping.
Se si pensa che queste lotte hanno avuto una durata media di trenta anni ciascuna e che spesso hanno dato luogo a gravi e massicce violazioni dei diritti umani, si può comprendere quanto il tema sia complesso e spinoso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 9 - - 9 - Introduzione Questo lavoro propone un’analisi descrittiva e insieme critica del principio di autodeterminazione dei popoli, uno dei pilastri tra i diritti umani e insieme tra i temi più dibattuti nella dottrina internazionalistica, sia per i numerosi casi che si sono presentati nella sfera geopolitica legati in qualche modo a questo principio, sia perché il principio stesso ha ancora oggi dei connotati molto discussi. Va preliminarmente chiarito che il concetto di ‘autodeterminazione’ può presentare una serie di significati anche distanti tra loro, ma l’accezione che interessa per il presente lavoro è quella che va a prendere in considerazione il rapporto tra gli Stati ed i propri cittadini in merito al diritto di questi ultimi di disporre di se stessi e alla luce delle norme del diritto internazionale. Le comunità di persone all’interno di uno Stato aspirano, infatti, a vedere garantiti i diritti ad esprimersi, a relazionarsi, a vivere secondo le proprie convinzioni, i propri usi e costumi, a preservare la propria lingua, la propria religione, in definitiva la propria identità. A tal proposito và però ricordato che gli Stati e non i popoli sono i soli destinatari formali delle norme in materia, mentre questi ultimi possono esserne al più i beneficiari, e che una distinzione va fatta tra i concetti di popolo, minoranza, popolazione indigena o gruppo insurrezionale, tutti spesso coinvolti nelle discussioni e nei documenti concernenti il principio di autodeterminazione dei popoli. Create PDF files without this message by purchasing novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi