Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il vetro di Murano tra tradizione, rinnovamento e sfida internazionale

L'elaborato propone un'analisi della situazione odierna del mercato del vetro di Murano a livelo internazionale e dei suoi cambiamenti nel corso degli ultimi anni, e di come l'isola stia reagendo a queste evoluzioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. Cenni Storici Parlare del vetro di Murano come di una tradizione millenaria non è affatto un’esagerazione; risalgono infatti al X secolo le prime testimonianze accertate della produzione vetraria nella laguna di Venezia, molto probabilmente derivata dalle antiche tradizioni romane, con centro nella città di Aquileia e nell’isola di Torcello, dove sono stati rinvenuti resti di una primitiva fornace per la fusione e la produzione di fiale (ampolle di vetro) per uso casalingo (De Biasi, 2003). Fig.1 Antica stampa dell’isola di Murano (XV sec.) I primi frammenti di vetro sicuramente prodotto a Murano risalgono, invece, al XIII secolo, tanto che già nel 1224 si ha notizia della nascita di primitive associazioni di mestiere dei vetrai, seguite a breve distanza, nel 1271, dalla stesura del primo statuto dell’Arte dei vetrai 1 , le cosiddette “Mariegole della arte dei verieri de Muran” 2 , veri e propri contratti di lavoro che stabilivano, tra le altre, le scadenze di accensione e spegnimento dei forni (dalla metà di Gennaio alla metà di Agosto), gli avanzamenti di grado e tutte le altre disposizioni relative alla vita dell’arte. Le “Mariegole” decretarono anche per la prima volta il divieto di espatrio delle maestranze e il conseguente divieto di esportare la materia prima, pena l’esclusione dall’Arte. Il vero momento decisivo per lo sviluppo dell’isola è da identificarsi l’8 Novembre 1291, quando il Maggior Consiglio della Repubblica ordinò la distruzione di tutte le fornaci presenti a Venezia e il loro trasferimento nella sola isola di Murano. Il provvedimento aveva i due scopi principali di prevenire il 1 A Venezia sin dal Medioevo il lavoro era organizzato attraverso corporazioni (Tosi, 2004) 2 Regole madri dell’arte dei vetrai di Murano.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Dario Spezzamonte Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 932 click dal 15/05/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.