Skip to content

Peacekeeping e guerra preventiva - I modelli di convivenza

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Galletti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione Pubblica e Organizzativa
  Relatore: Giuseppe Anzera
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Con la fine della Seconda Guerra Mondiale le maggiori potenze europee, stremate dalla guerra, cercarono di costituire delle organizzazioni solide in grado di garantire un periodo di pace duraturo ed evitare così che gli interessi nazionali potessero portare ad un nuovo conflitto.
Nasce così nel 1945 l’Organizzazione delle Nazioni Unite, ispirata ai principi dell'uguaglianza delle Nazioni, il cui obiettivo era appunto quello di impiegare strumenti internazionali per promuovere la pace, il progresso economico e sociale di tutti i popoli e salvarli dal flagello di guerre future.
In questo periodo però si creerà tra le due superpotenze USA e URSS un attrito che, nonostante sia stato un conflitto non combattuto sul campo, chiamato per questo motivo Guerra Fredda, rischiò più volte di far crollare il mondo in un nuovo conflitto globale.
Per evitare che ciò accadesse, vista l’inefficienza palesata dall’ONU, si cercò di percorrere diverse strade per garantire la pace, dalla Strategia della Deterrenza, che si rivelò ben presto inefficace e controproducente, fino alla nascita del peacekeeping che prevedeva il controllo dei conflitti attraverso interventi imparziali, consensuali e non coercitivi, che si rivelò un valido espediente sul piano politico, ma fu spesso contraddistinto dalla disorganizzazione nella pianificazione e nell'esecuzione.
Con la fine della Guerra Fredda, e il conseguente passaggio da un mondo Bipolare ad uno detto Multicentrico, anche le operazioni di pace mutarono per poter meglio rispondere alle esigenze che si manifestavano.
Durante questa stagione di peacekeeping, di Seconda Generazione, si assiste a diversi gradi di intensità, per quanto concerne l’uso della forza, che va dal minimo dell’aiuto umanitario a valori intermedi come il Peace-making fino ad arrivare al Peace-enforcement, poco distinguibile da una vera e propria campagna militare.
In questa fase si affacciano sulla scena internazionale anche le cosiddette multinazionali della sicurezza (PMC - Private Military Companies) il cui impiego ha fatto, e fa tuttora, discutere a causa della loro affidabilità e della loro reale capacità di porre fine ai conflitti senza dimenticare di affrontare la controversa questione morale, in quanto i valori della società contemporanea portano a provare ripugnanza verso coloro che uccidono per denaro.
A seguito degli attentati dell’11 Settembre 2001 contro gli Stati Uniti si è passati dal peacekeeping alla cosiddetta strategia della Guerra Preventiva, che ha visto gli USA impegnati in una lotta senza frontiere contro il terrorismo, sottolineando nuovamente l’impotenza dell’ONU, incapace di contrastare George W. Bush, che sta sgretolando il fragile equilibrio mondiale, costituito con molte difficoltà in mezzo secolo di trattati internazionali e di accordi multilaterali.
Di certo anche l’Italia ha un ruolo di primaria importanza nelle operazioni di peacekeeping grazie soprattutto all’attuale trasformazione effettuata dall’Esercito Italiano ed alle doti di peacekeepers mostrate negli anni dai militari italiani, che permette al nostro Paese di rivestire una posizione importante in campo internazionale e che ha contribuito a rinforzare il nostro prestigio all’estero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Con la fine della Seconda Guerra Mondiale le maggiori potenze europee, stremate dalla guerra, cercarono di costituire delle organizzazioni solide in grado di garantire un periodo di pace duraturo ed evitare così che gli interessi nazionali potessero portare ad un nuovo conflitto. Nasce così nel 1945 l’Organizzazione delle Nazioni Unite, ispirata ai principi dell'uguaglianza delle Nazioni, il cui obiettivo era appunto quello di impiegare strumenti internazionali per promuovere la pace, il progresso economico e sociale di tutti i popoli e salvarli dal flagello di guerre future. In questo periodo però si creerà tra le due superpotenze USA e URSS un attrito che, nonostante sia stato un conflitto non combattuto sul campo, chiamato per questo motivo Guerra Fredda, rischiò più volte di far crollare il mondo in un nuovo conflitto globale. Per evitare che ciò accadesse, vista l’inefficienza palesata dall’ONU, si cercò di percorrere diverse strade per garantire la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre
al qaeda
antica babilonia
bipolarismo
burk
bush
constabulary
deterrenza
fabian
guerra fredda
guerra preventiva
ikenberry
italia
janowitz
media
mercenari
moderzione strategica
onu
pace
peacekeeping
pmc
segal
terrorismo
unipolarismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi