Skip to content

I metodi della termodinamica per l’analisi del ciclo di smaltimento e recupero dei rifiuti solidi urbani

Informazioni tesi

  Autore: Diego Andrione
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2002-03
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Energetica
  Relatore: Michele Calì
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

I metodi della termodinamica per l’analisi del ciclo di smaltimento e recupero dei rifiuti solidi urbani. Nel ciclo di smaltimento il recupero dell'energia contenuta nei rifiuti può avvenire sia tramite termovalorizzazione, sia tramite il riciclo (con conseguente risparmio energetico dovuto alla non-produzione di materia, es. plastica, vetro...).
La tesi si occupa di studiare, con tecniche che spaziano dalla LCA alla termodinamica economica (termoeconomia), il punto di ottimo tra termovalorizzazione e riciclaggio della materia contenuta nel rifiuto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Il problema dello smaltimento dei rifiuti Ł una questione tipica delle societ industriali sviluppate. Lo stretto legame tra produzione di rifiuti e prodotto interno lordo Ł riscontrabile in tutti i Paesi industrializzati. Negli Stati Uniti si producono oltre 650 kg per abitante all anno mentre l Italia si colloca nella media europea: a met degli anni 90 la produzione annua di rifiuti solidi urbani (RSU) era di circa 450 kg per abitante all anno. Si noti come che questo problema sia molto rilevante. Le soluzioni che potrebbero essere adottate sono numerose: si potrebbero semplicemente confinare i rifiuti in discarica, oppure attuare la raccolta differenziata di alcune frazioni; si potrebbe bruciare i rifiuti in semplici inceneritori o in piø complessi termovalorizzatori o addirittura gassificarli Ogni soluzione ha i suoi vantaggi e svantaggi, a seconda del criterio con cui si effettua la scelta. Questa tesi si propone di suggerire una soluzione piuttosto di un altra sulla base di criteri energetici. Nell ottica di ottenere un vantaggio cerchiamo la soluzione che assicuri bassi consumi del sistema di smaltimento e, se possibile, produzione di energia. Lo smaltimento in discarica Ł la soluzione peggiore in quanto necessita di grandi superfici di territorio su cui ammassare i rifiuti, che vengono cos ad occupare spazi enormi; questo Ł un semplice espediente per portare i rifiuti lontano, che per si conservano intatti in un altro luogo. La fe rmentazione di questi rifiuti fa s che si produca un gas di origine biologica (biogas) che, se raccolto con particolari accorgimenti, potrebbe essere utilizzato come combustibile. Esso ha per basse re se (basso potere calorifico) e comunque non tutto si riesce a raccogliere, una parte consistente del totale si perde in atmosfera, contribuendo al problema dell effetto serra. La raccolta differenziata Ł un opzione che prevede il recupero di alcuni materiali che compongono i rifiuti per generare altri prodotti nuovi, senza dover produrre le materie prime corrispondenti. Questo Ł energeticamente vantaggioso solo fino a quando l energia necessaria al processo di riciclo non sia maggiore di quella per la produzione della materia prima da zero . Per quanto riguarda la gassificazione, questo processo prevede di portare i rifiuti ad alte temperature in modo da favorire la decomposizione di una parte di questi in un gas, simile al biogas da discarica, che verr utilizzato come combustibile in appositi impianti. Questa soluzione Ł specificatamente mirata all ottenimento di energia dalla combustione del gas prodotto e quindi da ritenere positiva; non si tiene per in conto del fatto che il process o di gassificazione (pirolisi) prevede alte temperature, richiedendo esso stesso un consumo notevole di energia; la resa complessiva del processo viene quindi a scadere notevolmente. Il semplice incenerimento dei rifiuti Ł una soluzione che Ł stata molto attuata nel passato: esso prevede di ridurre il volume di rifiuti di molto, riducendo di conseguenza lo spazio necessario per le ceneri. Questo processo Ł vantaggioso per ragioni pratiche, ma non energetiche, tenuto conto dello svantaggio della produzione di inquinanti nel processo di combustione. Un evoluzione del semplice inceneritore Ł il termoutilizzatore, che possiede il vantaggio di utilizzare l energia termica sviluppatasi nella combustione in un impianto per produrre energia. Questo significa che se considerassimo i rifiuti come fonte di energia, potremmo disporne di una grandissima quantit per u n tempo indefinito, se gli attuali ritmi di produzione rimanessero invariati. Possiamo quindi trattare i rifiuti solidi urbani e industriali come una fonte di energia rinnovabile. Essi contengono frazioni significative di atomi di carbonio che attraverso processo di combustione possono liberare energia generando prodotti di combustione a temperature elevate. L’energia termica dei fumi caldi pu essere utilizzata come calore utile di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi