Skip to content

Analisi degli impatti economici dei cambiamenti climatici: la variabilità della disponibilità di acqua per l’irrigazione nell’area della Nurra

Informazioni tesi

  Autore: Graziano Mazzapicchio
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Dottorati in Politica Agraria
Anno: 2008
Docente/Relatore: Gabriele Dono
Istituito da: Università degli Studi della Tuscia
Dipartimento: Dipartimento di Economia Agroforestale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

La principale caratteristica dell’attività agricola, ossia di svolgersi a cielo aperto, la lega particolarmente agli andamenti delle variabili climatiche, come temperatura e piovosità che, a loro volta, influenzano la disponibilità di altri fattori. La tesi propone una valutazione dell’impatto economico dei Cambiamenti Climatici (CC) sulle principali componenti climatiche (precipitazioni e temperature) e sulla disponibilità di acqua per l’irrigazione fornita da un Consorzio, cercando di analizzarne gli effetti in termini di variazioni delle attività e del reddito del settore agricolo. I risultati mostrano che gli effetti del CC portano ad un minore impiego dei fattori produttivi e ad un incremento della quantità di acqua estratta dai pozzi aziendali. Tali variazioni si devono ad un cambiamento degli ordinamenti colturali. L’impatto economico più evidente è la riduzione dei redditi lordi realizzati dal complesso delle aziende agricole dell’area.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - INTRODUZIONE I Cambiamenti Climatici rappresentano le variazioni a livello globale del clima della Terra. Essi si producono a diverse scale temporali su tutti i parametri meteorologici: temperature massima e minima, precipitazioni, nuvolosità, ecc. Sono dovuti a cause naturali e, negli ultimi secoli, anche all’azione dell'uomo. Molti componenti del sistema climatico, in particolare gli oceani e gli esseri viventi, influenzano la concentrazione atmosferica di gas ad effetto-serra. Un esempio evidente riguarda le piante che, attraverso la fotosintesi, trasformano CO 2 ed acqua in carboidrati. Nell’era industriale, invece, l’attività umana, a causa principalmente dell’utilizzo di combustibili fossili e dell’abbattimento delle foreste, ha intensificato enormemente il naturale effetto serra, provocando un surriscaldamento globale, attraverso il rilascio di gas ad effetto-serra, influenzando la presenza di aerosol nell’atmosfera e modificando l’utilizzo dei suoli. Basta considerare che l’ammontare di biossido di carbonio nell’atmosfera è aumentato di circa il 35% nell’era industriale soprattutto a causa delle attività umane. In questo modo, l’uomo ha alterato drammaticamente la composizione chimica globale dell’atmosfera con sostanziali implicazioni sul clima, influenzando la probabilità di verificarsi di eventi estremi, come le forti piogge, o lunghi periodi di siccità. Le proiezioni dei modelli climatici basati su differenti scenari di emissioni future di gas ad effetto serra indicano che il surriscaldamento della temperatura entro la fine del secolo potrebbe causare un significativo impatto sul ciclo idrologico. Un clima più caldo aumenterà l’evaporazione e l’intensità del ciclo dell’acqua, con un conseguente aumento dell’umidità dell’aria, causa di un maggior effetto-serra. La magnitudine e la frequenza di eventi estremi, come inondazioni e siccità, probabilmente saranno più frequenti e severi sulla maggior parte d’Europa. Questo fenomeno, insieme all’incremento della richiesta di acqua sia in ambito agricolo che da parte di altri settori, renderà l’Europa più vulnerabile alla siccità. Oltre ad effetti sulla quantità di acqua, è probabile che il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cambiamenti climatici
cambiamento clima e economia
clima ed economia
disponibilità di risorsa idrica
incertezza
programmazione stocastica discreta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi