Skip to content

Il controllo di gestione

Informazioni tesi

  Autore: Pasqualina Campilongo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Maurizio Rija
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

La complessa diversificazione e l’intensa variabilità del mercato hanno imposto all’azienda il soddisfacimento di due condizioni indispensabili per la sua sopravvivenza e per il suo sviluppo: la pianificazione dell’attività e l’organizzazione in strutture operative decentrate.
Tenendo contemporaneamente presenti queste due condizioni fondamentali, si può agevolmente comprendere come una corretta pianificazione aziendale, volta alla preventiva individuazione dei livelli di redditività, possa essere scomposta in un insieme di obiettivi assegnati alle diverse unità organizzative e come sia pertanto possibile controllare l’andamento aziendale verificando, per ciascuna di queste, tramite opportuni parametri di riferimento, il grado di avvicinamento agli obiettivi assegnati.
In altre parole, sorge l’esigenza di confrontare, ai vari livelli della gerarchia la congruità di certi esiti con i traguardi proposti. Un confronto così articolato rende possibile analizzare come e quanto l’attività dei singoli centri di responsabilità abbia influito, o stia influendo, sul raggiungimento del risultato di bilancio sperato, grandezza cui ogni sistema di controllo di gestione fa costantemente riferimento.
Il principale obiettivo del presente lavoro è quello di evidenziare la fondamentale importanza del controllo di gestione nell’ambito dell’attività d’impresa.
Il controllo di gestione è una priorità per tutte le tipologie e dimensioni d’impresa, e se correttamente impostato consente di ottenere utili informazioni per elaborare la migliore strategia e pianificare le azioni da intraprendere.
Un sistema di pianificazione e controllo efficace, non solo è fondato sulle grandezze economico-finanziarie, ma anche su unità di misura rappresentative della qualità, dell’efficienza e dell’efficacia delle prestazioni gestionali nel loro complesso. Nell’odierna evoluzione tecnologica, fenomeni come la dematerializzazione delle imprese, la globalizzazione dei mercati o i nuovi modelli di funzionamento, sono fattori di mutamento che si riflettano sia sul contesto in cui l’azienda opera, sia sui modelli organizzativi come sulle attività e sui processi influenzando la gestione; queste contingenze implicano una maggiore complessità che genera certamente effetti anche sugli strumenti e sulle modalità di funzionamento del controllo di gestione. Per questi motivi, dunque, oltre alle tecniche tradizionali occorrono nuove metodologie, ma anche nuove coordinate teoriche e operative, senza tuttavia che presente e futuro rinneghino il passato.
I fatti recenti provano che per le imprese la competizione risulta ancora più accesa di quanto si potesse stimare, e in campo sono entrati nuovi soggetti di dimensione e forze notevoli ma soprattutto in grado di esprimere, per la grande disponibilità di fattori produttivi di cui dispongono, una capacità di produrre prodotti e servizi a costi difficilmente contrastabili, se non aumentando l’efficienza nei processi, la qualità non solo degli stessi ma anche dei prodotti e dei servizi offerti, e spingendo non solo unicamente nella direzione dei costi ma anche verso i ricavi, rinnovando le competenze commerciali e accentuando le eccellenze presenti nei prodotti e servizi realizzati, scegliendo adeguatamente e non avventatamente i mercati di sbocco, migliorando la componente di ponderazione e di valutazione del sistema delle decisioni e delle scelte strategiche che ne derivano.
Lo scenario che appare evidenzia quindi quei profili tipici di un contesto in cui tutti i vari strumenti di controllo, operativo e strategico, nel tempo proposti dagli studiosi del controllo di gestione si rivelano idonei per supportare il sistema delle decisioni, per minimizzare gli errori gestionali e favorire condizioni di lavoro basate su reali obiettivi di efficienza ed efficacia bidirezionali, ovvero rivolti a massimizzare i ricavi e al contempo minimizzare razionalmente i costi per creare condizioni solide per il permanere dell’impresa nel tempo: approccio questo valido sia per le imprese di produzione che per quelle di servizio.



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La complessa diversificazione e l’intensa variabilità del mercato hanno imposto all’azienda il soddisfacimento di due condizioni indispensabili per la sua sopravvivenza e per il suo sviluppo: la pianificazione dell’attività e l’organizzazione in strutture operative decentrate. Tenendo contemporaneamente presenti queste due condizioni fondamentali, si può agevolmente comprendere come una corretta pianificazione aziendale, volta alla preventiva individuazione dei livelli di redditività, possa essere scomposta in un insieme di obiettivi assegnati alle diverse unità organizzative e come sia pertanto possibile controllare l’andamento aziendale verificando, per ciascuna di queste, tramite opportuni parametri di riferimento, il grado di avvicinamento agli obiettivi assegnati. In altre parole, sorge l’esigenza di confrontare, ai vari livelli della gerarchia la congruità di certi esiti con i traguardi proposti. Un confronto così articolato rende possibile analizzare come e quanto l’attività dei singoli centri di responsabilità abbia influito, o stia influendo, sul raggiungimento del risultato di bilancio sperato, grandezza cui ogni sistema di controllo di gestione fa costantemente riferimento. Il principale obiettivo del presente lavoro è quello di evidenziare la fondamentale importanza del controllo di gestione nell’ambito dell’attività d’impresa. Il controllo di gestione è una priorità per tutte le tipologie e dimensioni d’impresa, e se correttamente impostato consente di ottenere utili informazioni per elaborare la migliore strategia e pianificare le azioni da intraprendere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controlli di gestione
controllori gestione
organizzazione aziendale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi