Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Colonialismo italiano: alcune riflessioni

Il colonialismo, nei modi e nei termini in cui esso si è svolto a partire dalla seconda metà del secolo XIX, e cioè come attività espansionistica propria di alcuni Stati tesa a costituire le basi di dominio territoriale in aree extrametropolitane sotto forma di puri e semplici possedimenti o di protettorati o di mandati su cui esercitare, di diritto o di fatto, poteri di sovranità, è un fenomeno con caratteri specifici, distintivi, inconfondibili rispetto a manifestazioni analoghe verificatesi in epoche anteriori. Dalla colonizzazione puramente commerciale dei secoli precedenti a quella capitalistica odierna dove il capitale viene investito e si effettua un controllo politico e finanziario continuo . Da questa fisionomia appare già implicitamente come esso costituisca un fenomeno non a sé stante, ma dipendente e strettamente legato al particolare sviluppo assunto ad un certo momento dal sistema capitalistico di produzione che, per effetto di un eccesso di accumulazione di capitali e di una relativa saturazione del mercato interno, provoca una spinta indirizzata verso la ricerca, al di fuori dei confini della madrepatria, di nuovi e redditizi sfoghi all’esuberanza imprenditoriale, nuovi e convenienti campi di assorbimento del surplus produttivo, nuove e sicure fonti di approvvigionamento di materie prime, nell’intento di arrestare la tendenza alla caduta del saggio del profitto presente nel territorio metropolitano e riequilibrare, quindi, in modo vantaggioso, il rapporto tra tassi di accumulazione, volume di investimenti e mercato di consumo. Questa spinta costituisce quella tipica tendenza dell’economia capitalistica che è stata definita imperialismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il colonialismo, nei modi e nei termini in cui esso si è svolto a partire dalla seconda metà del secolo XIX, e cioè come attività espansionistica propria di alcuni Stati tesa a costituire le basi di dominio territoriale in aree extrametropolitane sotto forma di puri e semplici possedimenti o di protettorati o di mandati su cui esercitare, di diritto o di fatto, poteri di sovranità, è un fenomeno con caratteri specifici, distintivi, inconfondibili rispetto a manifestazioni analoghe verificatesi in epoche anteriori. Dalla colonizzazione puramente commerciale dei secoli precedenti a quella capitalistica odierna dove il capitale viene investito e si effettua un controllo politico e finanziario continuo 1 . Da questa fisionomia appare già implicitamente come esso costituisca un fenomeno non a sé stante, ma dipendente e strettamente legato al particolare sviluppo assunto ad un certo momento dal sistema capitalistico di produzione che, per effetto di un eccesso di accumulazione di capitali e di una relativa saturazione del mercato interno, provoca una spinta indirizzata verso la ricerca, al di fuori dei confini della madrepatria, di nuovi e redditizi sfoghi all’esuberanza imprenditoriale, nuovi e convenienti campi di assorbimento del surplus produttivo, nuove e sicure fonti di approvvigionamento di materie prime, nell’intento di arrestare la tendenza alla caduta del saggio del profitto presente nel territorio metropolitano e riequilibrare, quindi, in modo vantaggioso, il rapporto tra tassi di accumulazione, volume di investimenti e 1 G. Mondaini, Lezioni di storia coloniale (anno accademico 1910-11),Roma 1911, p. 14. 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Crimi Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5924 click dal 06/05/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.