Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crescita economica dell'India dal 1975 ad oggi

La nostra analisi su questo paese si concentra sul periodo che va dal 1975 ai giorni nostri e prende in considerazione gli aspetti economici che hanno portato alla crescita indiana, alle sue cause e alle eventuali conseguenze che avrà sullo scenario internazionale. Esamineremo l’evoluzione dell’economia indiana da vari punti di vista, prendendo dapprima in considerazione il PIL indiano e le sue componenti aggregate, ed in secondo luogo, la competitività indiana misurata da diversi fattori economici. Prima di passare a questo però occorre fare una veloce panoramica su come si è evoluta la situazione nel sub-continente nel secolo scorso, per capire quali sono stati gli avvenimenti che hanno preparato il campo a tale crescita.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Brevi cenni storici: il quadro storico-politico L’India è uno dei più grandi e popolosi paesi al mondo. Secondo solo alla Cina come popolazione, con circa un miliardo e cento milioni di abitanti, è la più grande democrazia al mondo. La nostra analisi su questo paese si concentra sul periodo che va dal 1975 ai giorni nostri e prende in considerazione gli aspetti economici che hanno portato alla crescita indiana, alle sue cause e alle eventuali conseguenze che avrà sullo scenario internazionale. Esamineremo l’evoluzione dell’economia indiana da vari punti di vista, prendendo dapprima in considerazione il PIL indiano e le sue componenti aggregate, ed in secondo luogo, la competitività indiana misurata da diversi fattori economici. Prima di passare a questo però occorre fare una veloce panoramica su come si è evoluta la situazione nel sub-continente nel secolo scorso, per capire quali sono stati gli avvenimenti che hanno preparato il campo a tale crescita. Il padre della patria è Mohandas Karamchand Gandhi, detto Mahatma («grande anima») che con il suo movimento di disubbidienza civile, iniziato nel 1919 portò il popolo indiano ad intraprendere un cammino che l’avrebbe portato nel 1947 ad ottenere l’indipendenza dall’Inghilterra; fu assassinato da un fanatico indù il 30 gennaio 1948. L’India era una colonia inglese e divenne una nazione indipendente solo allo scoccare della mezzanotte tra il 14 ed il 15 agosto 1947, due anni dopo la fine della seconda guerra mondiale. Il primo capo di governo dell’India indipendente fu Jawaharlal Nehru, che incentrò la politica del suo governo su principi fondanti, per il suo pensiero politico, come democrazia e pianificazione. L’età nehruviana si contraddistinse soprattutto per questi aspetti fondamentali e per un altro aspetto di non poco conto, come la strategia del non allineamento, ovvero per il fatto che l’India, insieme ad altri 29 stati africani ed asiatici, non condividesse la visione del mondo rappresentata dai due blocchi contrapposti: quello sovietico e quello statunitense. L’India è sempre stata attraversata da movimenti separatisti, a causa delle diverse etnie che la popolano, ed è stata coinvolta nel corso degli anni in diverse guerre sviluppatesi nella regione, come ad esempio quella con la Cina nel 1962, nella quale La crescita dell’economia indiana dal 1975 ad oggi 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Michele Totaro Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5255 click dal 06/05/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.