Skip to content

Il D. Lgs. 231/2001: l'impatto del modello ''esimente'' sul sistema di controllo interno

Informazioni tesi

  Autore: Carlo De Luca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Raffaele Prof. D'Alessio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 189

In seguito all’ impressionante serie di scandali che, nel corso degli ultimi anni, ha investito l’economia mondiale e italiana, si è ritenuto opportuno dar luogo a quest’elaborato partendo da uno studio dell’evoluzione, progettazione, implementazione e valutazione dei sistemi di controllo inter-no aziendali e la collocazione degli stessi nel più ampio sistema di Corporate Governance, tenendo conto soprattutto dei notevoli risvolti che in materia ha provocato l’introduzione del D. Lgs 231/2001.
A tal fine, l’analisi si articola in tre capitoli.
Nel primo capitolo, si è reso necessario presentare un quadro completo del sistema di gover-nance statunitense che ha rappresentato (e rappresenta tuttora) il quadro di riferimento per l’evoluzione della corporate governance italiana.
In particolare, si è fatto riferimento all’autorevole e imprescindibile contributo del CoSO Re-port statunitense del 1992, considerato come best practice di riferimento per l’architettura dei siste-mi di controllo interno, e dell’Enterprise Risk Management Framework, pubblicato nel settembre 2004. Partendo dall’analisi di questi framework, si è cercato di presentare un quadro completo dei componenti che dovrebbero caratterizzare un efficace sistema di controllo interno. L’approccio uti-lizzato tiene conto del nuovo cambio di paradigma che ha coinvolto i sistemi di controllo, che sono passati da semplici modelli di verifica di compliance a metodi di controllo dei rischi sempre più in-tegrati nella più ampia struttura di Enterprise Risk Management.
Sulla falsariga dell’esperienza americana, è stato presentato, poi, l’Addendum italiano al Co-SO Report che va sotto il nome di Progetto Corporate Governance per l’Italia, che ha dato il via ad un susseguirsi di provvedimenti legislativi destinati a sconvolgere la corporate governance italiana.
Tra questi si è ritenuto opportuno evidenziare i tratti salienti del D. Lgs. n. 6/2003 (Riforma del diritto societario) in merito ai nuovi modelli di amministrazione e controllo (dualistico e moni-stico) che caratterizzano le società di capitali.
Infine, in appendice al primo capitolo, per concretizzare quanto esposto in precedenza, si è ri-tenuto utile riportare una scheda di valutazione del sistema di controllo interno per favorire gli sta-keholders nella verifica dell’efficacia e adeguatezza dello stesso.
Una volta illustrato il quadro di riferimento della corporate governance italiana, quindi, nel secondo capitolo è stato presentato, nei tratti prettamente giuridici (soggetti, criteri d’imputazione, reati, sanzioni, vicende modificative, processo), il D. Lgs. 231/2001, con il quale è stata introdotta nel nostro ordinamento la responsabilità apparentemente amministrativa, ma sostanzialmente pena-le, a carico degli enti per i reati commessi dai propri dipendenti.
Partendo, da un’attenta analisi dell’ampia gamma di soggetti coinvolti dalla normativa e dei reati contemplati dalla stessa, si è tentato di sensibilizzare il lettore alla reale portata innovativa del-la novella, soffermando l’attenzione particolarmente sulle gravi conseguenze e sanzioni cui l’ente potrebbe incorrere (si parla addirittura di interdizione dall’attività!).
Naturalmente, per ravvisarsi una fattispecie oggetto di responsabilità amministrativa-penale ex D. Lgs. 231, è necessaria la presenza di determinati requisiti oggettivi (il reato sia commesso nell’interesse e a vantaggio dell’ente) e soggettivi (il reato sia commesso da soggetti che rivestono una posizione apicale nella struttura dell’ente medesimo ovvero da soggetti sottoposti alla vigilanza di questi ultimi).
Affinché l’ente possa essere dichiarato responsabile occorre, altresì, che il reato commesso costituisca espressione della politica aziendale, ovvero quanto meno derivi da una “colpa di orga-nizzazione”, intesa come mancata adozione di presidi necessari ad evitare che il reato sia commesso (ed ecco lo stretto legame con i sistemi di controllo interno).
Al fine di valorizzare la funzione preventiva del sistema introdotto, infatti, il legislatore pre-vede l’esclusione della responsabilità dell’ente nel caso in cui questi abbia adottato ed efficacemen-te attuato modelli di organizzazione e gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verifi-catosi nonché abbia provveduto alla costituzione di un organismo di controllo ad hoc che assumes-se compiti di vigilanza sul funzionamento, sull’osservanza e sull’aggiornamento del modello.
L’analisi della fasi di costruzione ed implementazione del suddetto “modello esimente” (in appendice viene rappresentato anche graficamente) e le caratteristiche sostanziali dell’Organismo di vigilanza sono esplicito oggetto del terzo ed ultimo capitolo della trattazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’impressionante serie di scandali che, nel corso degli ultimi anni, ha investito l’economia mondiale, e so- prattutto italiana, è stata la logica conseguenza di una mol- teplicità di comportamenti a dir poco discutibili: gestioni aziendali audaci, investimenti sconsiderati, combine ma- croscopiche, frodi gigantesche. A prescindere dalle cause, però, che hanno portato al crollo improvviso di alcuni grandi colossi industriali mondiali, ciò che rileva in questa sede è cercare di capire come è possibile che l’intero sistema dei controlli sui con- ti e sulla gestione di queste società si sia rivelato pratica- mente inesistente. Preso atto, perciò, della crescente e necessaria sen- sibilizzazione nei confronti delle tematiche della traspa- renza aziendale e delle pratiche di buon governo, si è rite- nuto opportuno riflettere sull’evoluzione, progettazione, implementazione e valutazione dei sistemi di controllo in- terno e la collocazione degli stessi nel più ampio sistema di Corporate Governance aziendale. A tal proposito, lo studio focalizza dapprima la pro- pria attenzione sull’autorevole e imprescindibile contribu- to all’evoluzione del sistema di governance italiano del CoSO Report statunitense del 1992, considerato come best practice di riferimento per l’architettura dei sistemi di con- trollo interno e dell’Enterprise Risk Management Frame- work, pubblicato nel settembre 2004. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

codice etico
colpa di organizzazione
corporate governance
d.lgs. 231/2001
modello di salvaguardia dagli illeciti
modello esimente
modello organizzativo
organismo di vigilanza
reati penali
responsabilità amministrativa delle società o enti
risk management
sanzioni interdittive
sistema dei controlli
sistema di controllo interno
sistema disciplinare
valutazione del rischio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi