Skip to content

Capability Maturity Model Integration (CMMI) e metodologie di project management ''Agili''. Studio di un processo di certificazione

Informazioni tesi

  Autore: Maria Pia Valente
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia e Ingegneria della Qualità
  Corso: Interdisciplinare (Economia Ingegneria)
  Relatore: Maurizio Campanai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Introduzione

Negli ultimi dieci anni il CMM® (Capability Maturity Model) ha rappresentato il maggior impegno per organizzazioni governative e civili per migliorare i processi software. Sollecitati dall’esigenza dal governo americano, di dimostrare la qualità dei prodotti e dei servizi offerti in campo militare e non solo. I modelli elaborati dal SEI hanno fornito una valida alternativa al prototipo arcaico del programmatore che, eroicamente, affronta solitario avventure sempre nuove e rischiose. Ma in questo contesto, sono emerse nuove tendenze che si sono concretizzate nel Agile Manifesto. Un approccio più semplice, veloce e flessibile nello sviluppo del software.
Le organizzazioni che hanno investito, e continuano a farlo, in un Capability Maturity Model®, si trovano oggi a dover decidere se adottare metodologie Agile rappresenta una forma di anarchia, il ritorno dell’eroe, oppure, sono un modo ragionevole per fare software in un mondo che desidera cambiare requisiti ad ogni piè sospinto, una forma elastica di organizzazione pro-attiva.
Il problema non ha facile soluzione, soprattutto se l’organizzazione è di grandi dimensioni e caratterizzata dalla presenza di una struttura complessa, come nel caso del Gruppo Engineering SpA.
Nel corso del mio stage ho avuto l’opportunità di collaborare con il team di uno dei progetti pilota selezionati per la certificazione CMMI® (Capability Maturity Model Integration), e con il gruppo SEPG (Software Engineering Process Group), costituito per agevolare tale certificazione. Il Team di sviluppo da tempo opera seguendo le Metodologie Agile, in particolare Scrum.
Nel corso di sei mesi ho assistito all’attività volta a dimostrare che Scrum fornisce il controllo sul processo produttivo del software adeguato alle esigenze del Team.
L’intento di questo lavoro è di dimostrare che l’adozione di Scrum, per la pianificazione di breve periodo, non solo non è in contrasto con quanto previsto dalle practice del CMMI®, ma fornisce supporto alle attività di project management. Per sostenere questa tesi si è reso necessario studiare ed approfondire argomenti legati al ciclo di vita del software, agli strumenti e metodi finalizzati al miglioramento continuo dei processi software, soffermandoci sulle principali caratteristiche del CMMI®.
In particolare:
- Il Capitolo 1 introduce il concetto di qualità e la sua evoluzione storica, il ruolo svolto dalle norme ISO e in particolare dalla ISO 9126.
- Il Capitolo 2 è dedicato interamento al ciclo di vita del software, in esso vengono descritti i processi tradizionali di ingegneria del software più rilevanti e vengono introdotti principi delle Metodologie “Agile”. Ampio spazio è dedicato a Scrum, la metodologia Agile utilizzata dal Team che ho affiancato nel periodo di tirocinio.
- Il Capitolo 3 affronta il delicato tema dei requisiti, punto di partenza fondamentale per giungere alla soddisfazione del Cliente. Nel dettaglio si definiscono i requisiti funzionali e i requisiti non funzionali e si individua il percorso grazie al quale si pianificano i test al fine di verificare il rispetto dei requisiti stessi.
- Il Capitolo 4 introduce i Capability Maturity Model, e fornisce le necessarie informazioni di base per comprendere l’organizzazione del Capability Maturity Model Integration. In particolare ci si sofferma sulla Staged Rapresentation e sulle process area del livello 2 e del livello 3.
- Il Capitolo 5 presenta Enginering SpA, il gruppo italiano di Information Technology di cui ESEL fa parte, e descrive il processo produttivo dell’organizzazione.
- Il Capitolo 6 introduce le caratteristiche peculiari del progetto pilota HDIS-RT che partecipa al processo di certificazione CMMI® di livello 3. Vengono esaminate le singole process area coinvolte in rapporto ai differenti livelli di gestione di progetto individuati. Il lavoro si basa sul presupposto che è possibile suddividere la gestione del progetto in tre livelli caratterizzati da differenti scansioni temporali.
- Il Capitolo 7 espone una tecnica di Project Management utilizzata allo scopo di verificare il rispetto del Piano di Lavoro grazie all’analisi di indici relativi ai costi sostenuti, alla percentuale di lavoro eseguita e al tempo impiegato.
- Il Capitolo 8 espone, in sintesi, il risultato del mio lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Negli ultimi dieci anni il CMM® (Capability Maturity Model) ha rappresentato il maggior impegno per organizzazioni governative e civili per migliorare i processi software. Sollecitati dall’esigenza dal governo americano, di dimostrare la qualità dei prodotti e dei servizi offerti in campo militare e non solo. I modelli elaborati dal SEI hanno fornito una valida alternativa al prototipo arcaico del programmatore che, eroicamente, affronta solitario avventure sempre nuove e rischiose. Ma in questo contesto, sono emerse nuove tendenze che si sono concretizzate nel Agile Manifesto. Un approccio più semplice, veloce e flessibile nello sviluppo del software. Le organizzazioni che hanno investito, e continuano a farlo, in un Capability Maturity Model®, si trovano oggi a dover decidere se adottare metodologie Agile rappresenta una forma di anarchia, il ritorno dell’eroe, oppure, sono un modo ragionevole per fare software in un mondo che desidera cambiare requisiti ad ogni piè sospinto, una forma elastica di organizzazione pro-attiva. Il problema non ha facile soluzione, soprattutto se l’organizzazione è di grandi dimensioni e caratterizzata dalla presenza di una struttura complessa, come nel caso del Gruppo Engineering SpA. Nel corso del mio stage ho avuto l’opportunità di collaborare con il team di uno dei progetti pilota selezionati per la certificazione CMMI® (Capability Maturity Model Integration), e con il gruppo SEPG (Software Engineering Process Group), costituito per agevolare tale certificazione. Il Team di sviluppo da tempo opera seguendo le Metodologie Agile, in particolare Scrum. Nel corso di sei mesi ho assistito all’attività volta a dimostrare che Scrum fornisce il controllo sul processo produttivo del software adeguato alle esigenze del Team. L’intento di questo lavoro è di dimostrare che l’adozione di Scrum, per la pianificazione di breve periodo, non solo non è in contrasto con quanto previsto dalle practice del CMMI®, ma fornisce supporto alle attività di project management. Per sostenere questa tesi si è reso necessario studiare ed approfondire argomenti legati al ciclo di vita del software, agli strumenti e metodi finalizzati al miglioramento continuo dei processi software, soffermandoci sulle principali caratteristiche del CMMI®. In particolare:

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assessment
backlog chart
ciclo di vita a cascata
ciclo di vita del software
cmmi
earned value
iso/iec 9126
maturity level
metodologie agile
process area
qualità
scrum
software process assessment
software process improvement
sprint
staged representation
unified process

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi